Bu zhi bu xiu (The Best Yet to Come)

Jia Zhangke (in produzione) battezza l'esordio al lungometraggio di Jing Wang. Che torna nella Pechino del 2003 per inseguire una storia (vera) che ha cambiato la vita di 100 milioni di persone. In Orizzonti

9 Settembre 2020
3/5
Bu zhi bu xiu (The Best Yet to Come)
The Best Yet to Come
L’esordio al lungometraggio di Jing Wang è battezzato a livello produttivo da Jia Zhangke, tra i più grandi cineasti cinesi contemporanei, per il quale il neoregista ha già collaborato più volte in passato come assistente.
Porta sullo schermo la vera storia di Han Dong – ora affermato giornalista – che nel 2003 si barcamenava a Pechino sognando il lavoro della vita.
Internet era ancora agli albori, i giornali dominavano il mondo dell’informazione, Han Dong grazie ad un forum di appassionati, viene notato dal caporedattore di un quotidiano. E viene scelto come stagista. Pieno di energia ed entusiasmo, finirà per cambiare il destino di cento milioni di persone con un unico articolo.

Bravo a mettere in scena il fermento di un’epoca dove ancora la rete e gli smartphone non governavano le nostre vite, Jing Wang costruisce il proprio film partendo da un assunto condivisibile e che dovrebbe animare, ancora oggi, lo spirito di qualsiasi giornalista: “Dimmi una cosa che succede nel mondo che non dovrebbe riguardarmi”.

Sì, perché anche a costo di compromettere sul nascere l’inizio della sua carriera, Han Dong non si ferma sulla superficie di uno scoop che ha contribuito in prima persona a scovare, ma continuando ad indagare, ad ascoltare, a comprendere le ragioni di quel “fatto”, porterà alla luce l’ingiustizia legislativa che in Cina condiziona, discrimina l’esistenza di 100 milioni di persone affette da Epatite B.

Qualche ingenuità di tanto in tanto a livello di tenuta, qualche ralenti ad enfatizzare un po’ troppo alcune situazioni, una manciata di lungaggini qua e là, ma nel complesso oltre alla forte idea “morale” il film è sostenuto anche da una discreta impostazione estetica.

Un buon esordio, insomma, ospitato negli Orizzonti di Venezia 77.

Lascia una recensione

1 Comment on "Bu zhi bu xiu (The Best Yet to Come)"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
giuliana
Ospite

Il film istinto tutti i film in gara al Festival del Cinema di Venezia 2020 mi è piaciuto tantissimo. Ci da uno spaccato cosa voleva dire avere l’epatite B in Cina nel 2003. Si parla di etica (quella del buon giornalismo) di amicizia, di libertà di pensiero, delle differenze sociali e delle conseguenze che ne derivano. Grandi emozioni.

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy