Anime nere

Dal libro di Criaco, il capolavoro di Munzi. Potente radiografia di 'ndrangheta e dinamiche familiari, da non perdere

18 Settembre 2014
5/5
Anime nere
Marco Leonardi in Anime nere

Olanda. Milano. Calabria, Africo, Aspromonte. Dove tutto ebbe origine, dove tutto finisce.
Come la storia di tre fratelli, figli di pastori, vicini alla ‘ndrangheta. Il più giovane, Luigi (Marco Leonardi), è un trafficante internazionale di droga. Rocco (Peppino Mazzotta), ormai da molti anni a Milano, è uno stimato imprenditore grazie ai soldi sporchi del primo. Infine Luciano (Fabrizio Ferracane), il più grande, che è rimasto nella terra natia e porta avanti il lavoro paterno, coltivando per sé l’illusione patologica di una Calabria preindustriale. Suo figlio, il ventenne Leo (Giuseppe Fumo), è la generazione perduta, senza identità. E sarà proprio un suo gesto sconsiderato, un atto intimidatorio contro un bar protetto da un clan rivale, a scatenare un inferno. Dopo tanti anni dall’uccisione del padre, per Luciano si riaffaccia nuovamente il dramma… Anime nere di Francesco Munzi, liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Gioacchino Criaco, è un film potente, ricco, profondamente radicato, capace di ingrandirsi parallelamente allo sviluppo del racconto. Quasi di accumulare, visivamente e non solo, la profondità e la complessità di un territorio che mescola miti e leggende, criminalità e tradizioni, fantasmi e violenza.
Dopo il bellissimo Saimir, dopo Il resto della notte, Munzi realizza la sua opera più ambiziosa, forse più difficile (soprattutto per il contesto ambientale), frutto di un lavoro straordinario sul campo (tre anni per la stesura della sceneggiatura, riscritture, casting per tutta la provincia di Reggio Calabria e sopralluoghi), di una direzione degli attori d’altri tempi e figlio di una volontà quasi antropologica, esplorativa, indispensabile per portare a galla la “realtà” di personaggi così raramente vicini, prossimi. L’unico modo possibile, del resto, per trattenere così a lungo viva la tensione emotiva del film, incanalandola poi con vigore sorprendente verso un finale sconvolgente, ma mai così drammaticamente coerente.

Un film doloroso, un Fratelli che quasi si spoglia delle riconoscibili esplosività ferrariane per immergersi in un territorio altro, fermo nel tempo, nella memoria. E nelle azioni. Una ciclicità disperata, che solo un gesto disperato potrà forse interrompere. La storia si chiude, non il film però, che non si esaurisce ma rimane vivo, aperto come una ferita profonda, anche dopo il termine della visione. Imperdibile.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy