Eva

Iasabelle Huppert non basta per salvare il nuovo film di Jacquot: un thriller erotico senza eleganza, convenzionale e carico di sequenze piatte

27 aprile 2018
2/5
Eva

Eva di Benoît Jacquot non riesce a convincere, nonostante una perfetta Isabelle Huppert. A questo thriller erotico manca la perfetta eleganza dell’altra Eva diretta da Joseph Losey, il grande classico noir con Jeanne Moreau che fece scandalo a Venezia nel 1962. Benoît Jacquot torna a dirigere la storia di una Femme Fatale affiancandola a uno scrittore impostore che deve il suo successo a un manoscritto rubato.

Huppert – Eva è una prostituta d’alta società che indossa abiti haute couture, una parrucca scura, rossetto rosso fuoco e tacchi a spillo. Fredda, calcolatrice, intrigante – insomma la Huppert nel suo ruolo ideale, visto in tante declinazioni. Il problema qui è che Jacquot abbandona la sua musa a sé stessa. E la fa essere sé stessa. Isabelle insomma resta Isabelle senza diventare Eva. Eva si svolge tra Parigi, il Lac d’Annecy e uno chalet innevato sulle alpi francesi.

 

L’antagonista della donna è Bertrand (Gaspard Ulliel), un volto tra Delon e Belmondo, ma senza espressività incisiva. Anche lui è un ex prostituto ed è proprio a un anziano cliente che ha rubato il manoscritto. Eva finisce per un motivo fortuito nello Chalet della fidanzata di Bertrand la notte in cui lui ci è andato solo per concedersi qualche giorno di scrittura. Cominciano a frequentarsi. Lui paga. Ma si innamora, forse. Lei pensa solo al denaro.

Bertrand, invece, pensa di essere superiore. Come amante è convinto di conquistarla con le sue stesse armi. Decide di scrivere la prossima pièce ispirandosi alla liason. In realtà non ha talento. E la scrittura è piatta.  Una mascherata, un gioco al nascondiglio dei desideri, e bugie innestate nella realtà come i dettagli nascosti nelle tavole illustrate dei fratelli Grimm.

Jacquot gioca con il camouflage; i confini tra vissuto e inventato sono, almeno all’inizio, non chiari. Ma ci si perde nella convenzionalità di sequenze piatte, senza la virtuosità tecnica che un doppio piano di racconto come questo richiederebbe.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy