Weekend al cinema

Le corse di Elio, i salti di Jumper, più l'horroRec in Prospettive-delitto. E Forse Dio è malato
29 Febbraio 2008
Weekend al cinema

IL MATTINO HA L’ORO IN BOCCA
genere: commedia/drammatico
di Francesco Patierno con Elio Germano, Laura Chiatti distrib. Medusa

Dall’autobiografia del “Giocatore” Baldini, il ritorno alla regia di Francesco Patierno. Dopo Pater familias, il regista napoletano affida ad Elio Germano la “non” imitazione del famoso speaker radiofonico, raccontandone gli inizi e la passione per le sale corse, “malattia” che lo portò ad accumulare debiti per 5 miliardi di vecchie lire, rischiando la pelle.

JUMPER
genere: sci-fi
di Doug Liman con Hayden Christensen, Samuel L. Jackson
distrib. Fox

Il giovane David Rice è un jumper, ovvero un individuo capace di teletrasportarsi ovunque. Una sorta di hero, anche se David il suo potere lo usa a fini esclusivamente  individualistici: posti da favola, belle donne, soldi facili. Almeno fino a quando non farà la conoscenza dei paladini, una setta di fanatici religiosi determinati a sterminarlo. Tratto dall’omonimo romanzo di Steven Gould. Con Hayden Chrisetnsen, Jamie Bell e Samuel L. Jackson. Dirige Doug Liman.

REC
genere: horror
di Jaume Balagueró e Paco Plaza con Manuela Velasco, Pablo Rosso
distrib. Mediafilm

Una reporter televisiva sta realizzando un servizio sui pericoli corsi dai pompieri. Si mette così al loro seguito in una normale giornata lavorativa, ma fino alla sera non succede granchè. Una chiamata notturna, proveniente da uno stabile dove un’anziana signora è rimasta intrappolata, romperà la noia e spalancherà le porte dell’incubo. Horror con etichetta “doc” dello specialista Jaume Balaguerò (e Paco Plaza).

IL FUTURO NON E’ SCRITTO – JOE STRUMMER
genere: documentario
di Julien Temple con Joe Strummer, Peter Cushing, Bono
distrib. Ripley’s Film

Frontman dei Clash, “strimpellatore” carismatico che segnò indelebilmente la scena punk degli anni ’70 e ’80, Joe Strummer – morto nel 2003 per una malformazione cardiaca – rivive nel documentario di Julien Temple: materiale d’archivio, testimonianze d’eccezione e tanta musica per raccontarne il mito, senza dimenticare le ombre.

FINE PENA MAI – PARADISO PERDUTO
genere: drammatico
di Davide Barletti e Lorenzo Conte con Claudio Santamaria, Valentina Cervi
distrib. Mikado

Ascesa e caduta del boss pugliese Antonio Perrone. Giovane di buona famiglia e amante del vizio, il suo cursus honoris criminale inizia nel Salento di fine anni ’70 coi primi passi nello spaccio di droga e nel taglieggiamento, per raggiungere l’apice (e la fine) con l’affiliazione alla Sacra Corona Unita alla metà degli anni’80. Tratto dall’autobiografia del vero Antonio Perrone, condannato nel 1989 a 49 anni di carcere. Con Claudio Santamaria e Valentina Cervi. Dirigono Davide Barletti e Lorenzo Conte dei Fluid Video Crew.

FORSE DIO E’ MALATO
genere: documentario
di Franco Brogi Taviani distrib. Istituto Luce

Dal diario di viaggio di Walter Veltroni, edito da BUR, il racconto in docufilm di Franco Brogi Taviani: l’Africa subsahriana vista attraverso gli occhi di chi, quotidianamente, cerca di sopravvivere alla povertà, alla fame, all’Aids. Dedicato a tutti coloro che dovrebbero ricordare di non dimenticare.

RENDITION – DETENZIONE ILLEGALE
genere: thriller
di Gavin Hood con Jake Gyllenhaal, Reese Witherspoon, Meryl Streep
distrib. Eagle Pictures

Il volo Sudafrica-Washington è di sola andata per Anwar El-Ibrahimi, un chimico di origini egiziane sospettato di attività terroristiche e prontamente fatto sparire dalle spie americane. La moglie, la “sempre in procinto di piangere” Reese Witherspoon, lo cerca disperatamente aiutata da un agente della Cia che prende a cuore la vicenda. Dirige Gavin Hood. Con Jake Gyllenhall. Presentato in sezione Première della Festa del Cinema di Roma.

PROSPETTIVE DI UN DELITTO
genere: thriller
di Pete Travis con Forest Whitaker, Matthew Fox
distrib. Sony

L’ossessione americana per l’assassinio del Presidente si riaffaccia in Prospettive di un delitto, dove la guida suprema della superpotenza viene ferito a morte nel corso di un summit internazionale in Spagna. Nello stesso momento una bomba lascia per terra numerose vittime. L’attentato è stato ripreso da una videocamera amatoriale e da una troupe televisiva. A due agenti dei servizi speciali l’onere d’indagare.  Con Dannis Quaid, Matthew Fox e Forest Whitaker.

LA RABBIA
genere: drammatico
di Louis Nero con Franco Nero, Faye Dunaway
distrib. L’Altrofilm

Un giovane regista è alla ricerca disperata di fondi per girare un film che sia segno tangibile del suo passaggio sulla terra. Nessun produttore sembra però interessato al progetto, così il filmaker, stanco e frustrato decide di rapinare una banca. Farà finalmente il suo film, ma nessuno a quel punto vorrà distribuirlo… Tra Louis Nero (in regia) e Franco Nero (tra gli interpreti) c’è Faye  Dunaway.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy