Weekend al cinema

Sfida tra star: il Nemico pubblico Depp sfida Clooney che fissa le capre con Bridges e McGregor. Castellitto Alza la testa
6 Novembre 2009
Weekend al cinema
Nemico pubblico

Sarà un weekend stellare. Johnny Depp è il Nemico Pubblico di Michael Mann, ovvero John Dillinger, ladro e gentiluomo, eroe e criminale, storia e leggenda. La sua figura è parte integrante dell’immaginario a stelle e strisce e una delle più battute dalla storia del cinema. Mann – già autore di The Heat -La sfida e Collateral – si concentra sulle ultime 9 decisive settimane di vita di Dillinger, in equilibrio tra gangster-movie e melò, classicità e modernità. Nel cast anche Marion Cotillard e Christian Bale. Interamente girato in digitale. Clooney è invece l’improbabile soldato di L’uomo che fissa le capre, esordio nel lungometraggio di Grant Heslov (già sceneggiatore per George di Good Night and Good Luck) e parodia del militarismo americano. Compagni di (s)ventura il mitico Jeff Bridges, Ewan McGregor e Kevin Spacey. Per la cronaca, tra le “stelle” del weekend ci sarebbe anche Jack Black, ma il suo demenziale Anno uno sarà scarsamente reperibile (solo un’uscita tecnica: sei copie). A difendere il tricolore ci pensa Sergio Castellitto, emozionante in Alza la testa di Angelini, nel ruolo di un padre che non si dà pace per la morte del figlio, giovane promessa del pugilato. Un’interpretazione premiata con il Marco Aurelio all’ultimo Festival di Roma. Disperazione in salsa pugliese per Marpiccolo di Alessandro Di Robilant. Il protagonista (Giulio Beranek) è un ragazzo di 17 anni che, privo di prospettive, finisce per lavorare al soldo di Tanio, un boss locale. Finchè non finisce in un carcere minorile…Dalla Polonia arriva invece Popieluszko di Rafal Wieczinski, classico film d’impegno civile sulla vita e la testimonianza di Padre Jerzy, cappellano di Solidarnosc e martire sotto il regime di Varsavia che si sentiva minacciato dalle sue omelie imbevute di libertà. In patria è stato un caso. Infine Berlin Calling di Hannes Stöhr, sulla vita “stupefacente” di DJ Ickarus, musicista all’apice del successo e drogato cronico. Una storia già sentita, non solo al cinema.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy