Un anno senza Scola

Moriva oggi, nel 2016, il grande regista di C'eravamo tanto amati e Una giornata particolare. Sky Arte lo ricorda con il documentario "Prima del film", di Mario Sesti e Marco Chiarini
19 Gennaio 2017
In evidenza, Personaggi
Un anno senza Scola
Ettore Scola

Ricorre oggi, 19 gennaio, il primo anniversario della morte di Ettore Scola, scomparso lo scorso anno.

Tra i più grandi maestri del cinema italiano, Scola è stato tra i migliori registi a saper dipingere le varie contraddizioni del nostro paese. Tanti sono stati infatti i suoi capolavori, a cominciare da quello che lo consacrò nell’Olimpo dei grandi, C’eravamo tanto amati (1974), che ripercorre un trentennio di storia italiana attraverso le vicende di tre amici, gli indimenticabili Vittorio Gassman, Nino Manfredi e Stefano Satta Flores. Anche Marcello Mastroianni e Federico Fellini parteciparono alla celebre pellicola, che il regista volle dedicare a Vittorio De Sica.

Gli anni Settanta furono sicuramente il periodo d’oro del grande regista, che riuscì ad inanellare una serie di opere cinematografiche destinate a diventare capisaldi del nostro cinema nel mondo. Da Brutti, sporchi e cattivi (1976), che ebbe come protagonista ancora una volta Nino Manfredi, al poetico Una giornata particolare con Marcello Mastroianni e Sophia Loren, fino a La terrazza, perfetto esempio della commedia all’italiana con Ugo Tognazzi, Vittorio Gassman, Jean-Louis Trintignant e Marcello Mastroianni.

Nel 1980, al 33mo Festival di Cannes, la pellicola riuscì a portare a casa il premio per la migliore sceneggiatura e il premio per la miglior attrice non protagonista, Carla Gravina, e lo stesso Scola ricevette la nomination come miglior regista. Ma anche negli anni Ottanta e Novanta la creatività di Scola seppe partorire opere indiscusse. In La famiglia, del 1987, attraverso la saga di una famiglia ed avvalendosi di grandi attori come Vittorio Gassman, Stefania Sandrelli e Fanny Ardant ripercorre 80 anni di storia (1906-1986), mentre nel 2001, in Concorrenza sleale, con Diego Abatantuono, Sergio Castellitto e Gérard Depardieu, affronta il tema delle leggi razziali.

Nel 2014 è stata realizzata la prima grande mostra monografica dedicata al grande maestro, dal titolo Piacere, Ettore Scola a cura di Marco Dionisi e Nevio De Pascalis. Testi, filmati, cimeli, fotografie, disegni e carteggi che per la prima volta hanno raccontato la sua vita privata e professionale, con particolare riferimento alla sua indimenticata passione, il disegno. Scola infatti iniziò la sua carriera come fumettista: appena quindicenne, disegnava vignette per le riviste umoristiche Marc’Aurelio e Il travaso delle idee.

I suoi riconoscimenti ufficiali sono tantissimi: dai sei David di Donatello (nel 1978, nel 1984 e nel 1987 per la regia) alle quattro nomination agli Oscar, nel 1978 per Una giornata particolare, nel 1979 per I nuovi mostri, nel 1984 per Ballando ballando e nel 1988 per La famiglia.

Oggi, giovedì 19 gennaio, per ricordare Ettore Scola, il Teatro Diana di Napoli ospita “Una serata particolare tra cinema e teatro”, mentre Sky Arte HD (canale 120 e 400 del bouquet Sky) manda in onda alle ore 21.15 in prima visione il documentario Prima del film, diretto dal critico cinematografico Mario Sesti e dal regista Marco Chiarini, in collaborazione con Dimitri Bosi e Umberto Palestini. Su Sky Cinema Classics, invece, sarà trasmesso in prima serata Brutti, sporchi e cattivi.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy