Torna La casa di carta

"La maschera di Salvator Dalì è diventata una forma di rivoluzione", dice Ursula Corbero, alias Tokyo. Dal 19 luglio su Netflix la terza stagione della serie spagnola
Torna La casa di carta

“Il segreto della nostra serie? Ogni personaggio non è una caricatura ma un essere umano con cuore e anima che porta empatia. E anche la maschera di Salvator Dalì è diventata una forma di rivoluzione”. Così Ursula Corbero, una delle protagoniste della Casa di Carta, la serie creata da Alex Pina e diretta da Jesus Colmenar, che racconta le avventure di una banda di ladri stile Robin Hood, capaci di organizzare colpi mirabolanti e donare parte del bottino agli ultimi della società.

La terza stagione arriva su Netflix dal 19 luglio in oltre 190 Paesi. Con le prime due parti è la fiction in lingua non inglese più vista sulla piattaforma digitale. Ogni componente della banda ha, come nome in codice, quello di una città. E, anche grazie a questo trucco, riesce a sottrarre un miliardo di euro dalla Zecca di Stato spagnola. Dopo la fuga il Professore – il capo della banda – riceve una chiamata: uno dei suoi è stato catturato. L’unico modo per salvarlo e proteggere il segreto di tutti è riunire il gruppo per un nuovo colpo, il più grande mai realizzato. Per capire se si tratterà di un altro “successo” occorrerà seguire le puntate.  Qualche anticipazione i protagonisti la concedono, senza spoiler però.

Riprende Ursula, alias Tokyo: “In questa prossima stagione vedremo una Tokyo meno bambina, molto più donna e più paziente”. Ma nessuna indulgenza a vecchi stereotipi femminili, anzi: “Quando ho letto il primo copione mi sono stupita delle parti forti delle donne, del ruolo di primo piano che avevano a volte anche rispetto agli uomini”.

Sul ruolo delle donne interviene anche Esther Acebo, che nella nuova stagione sarà Stoccolma: “Questa volta non sono più solo segretaria, mamma o moglie, ma soprattutto una donna che vuole prendere le sue decisioni, che vuole partecipare a questo golpe. Ci saranno dei conflitti, il fatto di avere un figlio piccolo è un problema in più, ma il mio personaggio sa cosa vuole e sa come raggiungerlo”.

Altra scelta originale, che viene riproposta anche in questa terza serie, quella della maschera di Dalì che il gruppo indossa durante i colpi. “La maschera di Dalì un simbolo politico? Sta succedendo così – dice Luka Peros, al debutto quale Marsiglia – ma non ce lo aspettavamo. È andato tutto di pari passo, prima il boom della serie, e poi la maschera come simbolo rivoluzionario, con cui la gente può identificarsi”. E nella colonna sonora c’è Bella ciao: “E’ una canzone che ha un’anima, in un periodo come il nostro in cui un pugno di persone ha in mano la ricchezza e tutti gli altri soffrono”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy