Strange in the night

Il Doctor della Marvel debutta al box office italiano con 2.027.286 euro, staccando il secondo di due milioni: povero cinema, che sperequazione
Strange in the night
(L-R): Rachel McAdams as Dr. Christine Palmer, Benedict Cumberbatch as Dr. Stephen Strange, and Xochitl Gomez as America Chavez in Marvel Studios' DOCTOR STRANGE IN THE MULTIVERSE OF MADNESS. Photo courtesy of Marvel Studios. ©Marvel Studios 2022. All Rights Reserved.

Box office, due milioni per Doctor Strange. Al debutto nelle sale italiane, il secondo stand-alone del personaggio Marvel incarnato da Benedict Cumberbatch, Doctor Strange nel multiverso della follia, attira 274.630 spettatori per un incasso di 2.027.286 euro.

Xochitl Gomez as America Chavez in Marvel Studios’ DOCTOR STRANGE IN THE MULTIVERSE OF MADNESS. Photo by Jay Maidment. ©Marvel Studios 2022. All Rights Reserved.

Sesto esordio di sempre per un film con personaggi Marvel nel nostro Paese, ribadisce come oggi non si vada più al cinema, a ma a vedere il singolo film, ovvero un film evento, e gli eventi a parte i Marvel – e nemmeno tutti – latitano sempre più.

Hugh Bonneville stars as Robert Grantham and Michelle Dockery as Lady Mary in DOWNTON ABBEY: A New Era, a Focus Features release.
Credit: Ben Blackall / © 2021 Focus Features, LLC

La riprova? Il precipizio che separa il primo dal secondo e dal terzo gradino del podio: poco meno di due milioni, giacché un altro sequel, Downton Abbey II – Una nuova era, si ferma a 48.292 euro, e il bronzo è di Animali fantastici – I segreti di Silente, ennesimo sequel, con 42.522 euro.

Animali fantastici – I segreti di Silente – © 2022 Warner Bros. Entertainment Inc. All Rights Reserved

L’imbarazzo s’accresce considerando il divario con ultimo titolo della Top10 Cinetel degli incassi, La nuova scuola genovese, che fa 5.606 euro: la regia di Sam Raimi la stacca di due milioni e ventimila euro.

Come la sperequazione tra lo stipendio dei top manager e degli impiegati/operai, anche quello cinematografico non è un sistema sano. Che fare?

Lascia una recensione

1 Comment on "Strange in the night"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Ed Roger
Ospite
Se il film lo consideri “opera d’arte”, via di contributi pubblici e chissenefrega del boxoffice. Se invece è un prodotto commerciale, ci sarebbe bisogno di serie ed approfondite analisi per capire cosa vuole il “cliente” spettatore, visto che al momento tra domanda ed offerta c’è poca sintonia: i due maggiori incassi italiani di stagione sono i Me Contro Te (nonostante recensioni orribili) e l’Oscar lo ha vinto Netflix. Questo avviene perché entrambi beneficiano a loro modo di “ecosistemi” alternativi al classico schema della produzione cinematografica fermo al secolo scorso. Se vuoi lo dimostrano i “grandi eventi” che tu citi, Loro… Leggi il resto »
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy