Schrader, del senso di colpa

"Sono sempre attratto da chi ottiene il perdono della società ma non da se stesso", dice il regista di The Card Counter. In gara a Venezia78 con Oscar Isaac e Tiffany Haddish
Schrader, del senso di colpa
Paul Schrader, First AD Martin Jedlicka and actor Oscar Isaac on the set of their film THE CARD COUNTER, a Focus Features release. Credit: Heidi Hartwig / Focus Features

(Cinematografo.it/Adnkronos) – Per realizzare il personaggio di William Tell mi sono ispirato ai protagonisti di altri film, per esempio ‘Taxi Driver’: personaggi colpevoli che ottengono il perdono dalla società ma non da loro stessi”.

Paul Schrader parla così di ‘The Card Counter’ (Il collezionista di carte) il film che accompagna oggi in concorso alla Mostra del cinema di Venezia e che da domani, 3 settembre, sarà distribuito in Italia da Lucky Red.

Protagonista del film del regista statunitense è William Tell (Oscar Isaac), un ex inquirente militare che vive nell’ombra e fa il giocatore d’azzardo, ma senza correre troppi rischi. La sua vita meticolosa finisce nello scompiglio dopo l’incontro con Cirk (Tye Sheridan), un giovane intenzionato a vendicarsi di un comune nemico. Con l’aiuto della misteriosa finanziera La Linda (Tiffany Haddish), Tell introduce Cirk nel circuito dei casinò per condurlo su una nuova strada. Ma i fantasmi del passato non lo abbandoneranno tanto facilmente.

03058_FP_CARDCOUNTER
Oscar Isaac stars as William Tell in THE CARD COUNTER, a Focus Features release.
Credit: Courtesy of Focus Features

“I personaggi che mi attraggono sono tutti ‘strani’ ma William forse è il più misterioso. Ho cercato di pensare al trauma e a dove risiede anche a livello fisico. Questo mi ha permesso di capire le sue scelte”, sottolinea Oscar Isaac.

Mentre per Tiffany Haddish il ruolo in questo film ha il sapore del riscatto: “Ho rischiato con me stessa: sono partita da casa per inseguire i miei sogni e provare a recitare. Sono finita senzatetto, ma ho continuato, non ho mollato ed eccomi qui, ora, a Venezia. Posso dire che la perseveranza ha pagato molto bene”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy