Roma Cinema Arena, il bilancio

30 mila spettatori per 19 proiezioni, si conclude stasera, giovedì 4 agosto, con un omaggio dedicato a Renato Nicolini: scopri
Roma Cinema Arena, il bilancio

Si conclude stasera, giovedì 4 agosto, il programma di Roma Cinema Arena, la grande sala all’aperto situata al Parco degli Acquedotti di Roma. Dopo 19 proiezioni, la manifestazione realizzata dalla Fondazione Cinema per Roma nell’ambito dell’Estate romana, ha ospitato un totale di circa 30 mila spettatori. Moltissimi gli appassionati di cinema che, dallo scorso 19 luglio, hanno gremito l’Arena e occupato con entusiasmo e partecipazione anche tutti gli spazi del Parco attorno alla platea. Fra i momenti più applauditi, gli incontri che hanno proceduto le proiezioni con ospiti come Giuseppe Tornatore, Nanni Moretti, Gianni Amelio, Dario Argento, Ricky e GianMarco Tognazzi, Anna Foglietta, Enrico Vanzina, Riccardo Scamarcio, i Manetti Bros., Francesco Munzi, Emanuele Salce, Flavia Mastrella e Antonio Rezza.

“Siamo entusiasti della prima edizione di Roma Cinema Arena – ha spiegato Gian Luca Farinelli, Presidente della Fondazione Cinema per Roma – Ringraziamo tutto il pubblico che ha dimostrato di apprezzare l’intero programma e la sua varietà, partecipando alla visione di film caratterizzati da stili, generi, epoche e tematiche differenti, da I mostri a Il caso Mattei, da The Blues Brothers a Il federaleda Il grande Lebowski Mamma Roma e Lezioni di piano. Un’esperienza che dimostra come la visione tradizionale del cinema assieme ad altre persone nel buio di una sala sia sempre attuale e coinvolgente: felici di questo primo risultato stiamo lavorando affinché la prossima Festa del Cinema di Roma segni un momento di forte riscossa per la visione del cinema nelle sale”.

“Siamo grati al pubblico del Parco degli Acquedotti per l’accoglienza straordinaria che ha riservato ai film e agli ospiti proposti – ha detto Paola Malanga, Direttrice Artistica della Festa del Cinema e della Fondazione Cinema per Roma – Sera dopo sera, in un’atmosfera magica che ha avvolto tutte le generazioni, il cinema sul grande schermo ha ritrovato i suoi spettatori e ne ha scoperti di nuovi, entusiasti. Per molti, infatti, l’Arena è stata l’occasione di vedere i film per la prima volta in assoluto. La memoria, la scoperta, la visione collettiva sono i pilastri su cui intendiamo costruire la nostra proposta di Cinema per Roma. L’Arena è stata un meraviglioso antipasto estivo della Festa che si terrà ad ottobre e che continuerà nel corso dell’anno. In attesa della prossima estate al Parco degli Acquedotti”.

La manifestazione si chiude oggi alle ore 21.15 con un evento dedicato alla memoria di Renato Nicolini, storico padre dell’Estate Romana. In programma Tanti futuri possibili. Con Renato Nicolini e Sacro GRA presentati dal regista Gianfranco Rosi, affiancato da Paola Malanga e Miguel Gotor, Assessore alla Cultura di Roma Capitale, con un saluto del Sindaco di Roma Capitale, Roberto Gualtieri.

Tanti futuri possibili. Con Renato Nicolini | Nel documentario Renato Nicolini, seduto in un minivan, percorre il Grande Raccordo Anulare. Mentre il traffico scorre incessante alle sue spalle, in lui si attivano pensieri e riflessioni secondo libere associazioni, tra ricordi, suggestioni metafisiche, considerazioni urbanistiche, leggende metropolitane.

Sacro GRA | Documentario a cui collaborò Renato Nicolini e che, a sorpresa, trionfò alla Mostra di Venezia 2013. Il Grande Raccordo Anulare, questo fiume di traffico in eterno movimento e chi lo abita, è una realtà che reclama di essere vista, di essere pensata. Le sue contraddizioni lasciano a bocca aperta: un frate francescano sulla corsia d’emergenza che fotografa il cielo; greggi di pecore al pascolo a pochi metri da auto che sfrecciano a 120 all’ora… Dice Rosi: “Mondi in movimento che si intersecano, ignari gli uni degli altri”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy