Redgrave, una bestemmia per i rifugiati

"I nostri governi hanno perso il senso della realtà e dell'umanità": j'accuse della Redgrave, a poche ore dal Leone d'Oro alla carriera
Redgrave, una bestemmia per i rifugiati
(Cinematografo.it/Adnkronos) – “Mi verrebbe di bestemmiare su quanto non si fa sui rifugiati. I nostri governi hanno perso il senso della realtà e l’umanità”. Vanessa Redgrave, l’attrice britannica premio Oscar che riceverà questa sera, durante la cerimonia di apertura della Mostra di Venezia, il Leone alla carriera, non usa mezzi termini per parlare di uno dei temi di maggiore attualità tanto in Europa quanto in Usa.

E d’altronde, proprio al tema dei rifugiati, la Redgrave ha dedicato la sua opera prima da regista, il documentario ‘Sea Sorrow’, (‘Il dolore del mare’), presentato nell’autunno scorso alla Festa di Roma. “Ho fatto quel documentario perchè i bambini continuano a morire in mare”, sottolinea, prima di dichiararsi “straordinariamente felice” per il premio alla carriera della Mostra di Venezia.

D’altronde, aggiunge, il suo legame cinematografico con Venezia è “eccezionale”: “La scorsa estate stavo girando proprio a Venezia ‘The Aspern Papers’ e molti anni fa ho girato ‘La vacanza’ nelle paludi del Veneto. Il mio personaggio parlava solo in dialetto veneziano. Credo di essere l’unica attrice non italiana ad aver recitato un intero ruolo in dialetto veneziano! Quindi un po’ questo premio me lo sono meritato”, sorride l’attrice 81enne, che riceverà il Leone d’Oro alla Carriera nel corso della cerimonia inaugurale di questa sera.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy