Ravenna in Mosaico

Al via il festival del nuovo cinema europeo. Ospite Jiri Menzel, in concorso Odoardi e This Is England
10 Aprile 2008
Ravenna in Mosaico
Un mosaico ravennate

Europa in Mosaico a Ravenna. Dal 14 al 19 aprile, la città romagnola sarà vetrina della produzione cinematografica continentale con la seconda edizione di Mosaico d’Europa Film Fest, organizzato dall’Ufficio Cinema del Comune di Ravenna, in collaborazione con la Provincia, la FICE (Federazione Italiana Cinema d’Essai) e la CICAE. Linea guida “la creazione di un’Europa aperta – dice Alberto Achilli, responsabile dell’Ufficio Cinema del
comune – dove i film possano circolare liberamente”, il MEFF in sinergia con la FICE promuove i giovani autori europei che non trovano spazio nella normale programmazione in sala, omaggiando altresì i maestri del passato, con retrospettive ed eventi. Quest’anno, l’ospite d’onore sarà Jiri Menzel, appartenente alla nova vlna della ex Cecoslovacchia, attore, sceneggiatore e regista di Treni strettamente sorvegliati, Oscar nel 1967 come miglior film in lingua straniera, e Allodole sul filo, Orso d’Oro nel 1990: a Ravenna il 17 aprile porterà la sua ultima fatica, Ho servito il re d’Inghilterra.
In retrospettiva, “Il cinema di Pier Paolo Pasolini”, seconda parte della filmografia completa del regista,  film e documentari commentati da critici e studiosi, e l’omaggio ad Alice Guy, con una serata evento per ricordare la prima regista donna della storia del cinema, 800 film all’attivo tra la natia Francia e gli Stati Uniti, ma troppo spesso ignorata dalla storiografia ufficiale: pioniera e sperimentatrice, suo è il primo lungometraggio di finzione, La fée aux Chou del 1896.
In apertura di festival, con la presidenza onoraria di Pupi Avati, l’evento “Il cinema indipendente fa il suo giro”, con proiezione in digitale di spezzoni di film distribuiti nel network Digima, tra cui Il vento fa il suo giro di Giorgio Diritti,  vincitore della scorsa edizione del MEFF e candidato a 5 David di Donatello, tra cui miglior film e regista esordiente, e 7/8 – Sette Ottavi di Stefano Landini, unico film italiano realizzato e proiettato in 2K.
Evento centrale, il Concorso europeo per lungometraggi, riservato a titoli già premiati ai festival internazionali e senza distribuzione in Italia. A valutarli la giuria composta dalla documentarista Nana A. Rebhan, il produttore Jean Jacques Varret, il critico Roberto Nepoti, il montatore Roberto Missiroli e il direttore del Bergamo Film Meeting Angelo Signorelli, in competizione i due candidati agli Oscar Klopka – The Trap del serbo Srdan Gulubovic e Man’s Job del finlandese Aleksi Salmenpera; il francese Lady Chatterley di Pascale Ferran, intensa trasposizione filmica al femminile del romanzo di D.H.Lawrence; lo spagnolo Azul Oscuro Casi Negro di Daniel Sànchez Arévalo; This Is England di Shane Meadows (vincitore a Roma 2006); Import-Export di Ulrich Seidl; i turchi Takva di Özer Kiziltan (prodotto da Fatih Akin) e Yumurta di Semih Kaplanoglu; The Bubble di Eytan Fox (Premio CICAE Berlino 2007) e l’italiano Una ballata bianca di Stefano Odoardi, su uno struggente addio alla vita che diventa un nuovo inizio. “Ravenna si candida a capitale della cultura per il 2019, anche grazie al MEFF che – dice l’assessore Alberto Cassani – testimonia quanto necessario sia l’apporto degli enti locali pewr la politica culturale: gli investimenti nazionali sono assolutamente insufficienti”.

Lascia una recensione

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy