Pardo d’Onore a Kelly Reichardt

Alla regista americana il riconoscimento del festival, giunto alla 75esima edizione. Il direttore Giona A. Nazzaro: "Forse la cineasta più appassionante in attività". Premiazione in Piazza Grande il 12 agosto
Pardo d’Onore a Kelly Reichardt
Kelly Reichardt ©Courtesy of David Godlis

A Locarno75 il Pardo d’onore Manor sarà libero e indipendente. Coraggioso, come il cinema di Kelly Reichardt, che la sera del 12 agosto riceverà in Piazza Grande il riconoscimento per una carriera unica nel panorama del cinema statunitense e internazionale. Grazie al premio la regista americana potrà finalmente abbracciare la piazza e il pubblico di Locarno due anni dopo la sua partecipazione “a distanza” a Locarno 2020. Un’edizione che aprimmo proprio con il suo First Cow (2019) e da cui questa estate muoveremo due passi indietro, per riscoprire insieme a lei Night Moves (2013) e Meek’s Cutoff (2010).

Il Pardo d’onore Manor 2022 festeggerà un cinema in pieno corso d’opera ma con una traccia già inevitabile e inconfondibile. Un cinema impetuoso per ricerca e innovazione, urgente per temi e interrogativi. In trent’anni di carriera Reichardt si è rivelata e confermata autrice impegnata, politica e indipendente. Una cineasta fortemente attaccata al reale con cui ha saputo ridisegnare il profilo dei generi, dal western al thriller, portando al pubblico, sullo schermo, le questioni del presente con cui scontrarsi e interrogarsi.

Dal suo primo lungometraggio, River of Grass (1994) Kelly Reichardt lavora il cinema, lo scompone e ne elabora gli ingredienti, dal sonoro al montaggio, dall’inquadratura al respiro, in digitale o in 16mm, curando ogni gesto come fosse una parte essenziale del discorso. Libera e coraggiosa, convintamente schierata, Reichardt ci ha messo di fronte alla misoginia e al razzismo, alle ingiustizie e alle ineguaglianze un attimo prima che lo facesse l’attualità. E lo ha fatto lì, sullo schermo, forte dell’indipendenza con cui ha sempre saputo e voluto riempirlo. Fosse anche con un lunghissimo vuoto, o silenzio.

Il direttore artistico del Locarno Film Festival, Giona A. Nazzaro: “Interpretiamo il 75esimo anniversario del Festival non solo come un’occasione per voltarsi indietro, ma come un’opportunità per immaginare il futuro. La scelta di omaggiare Kelly Reichardt, segno di un cinema contemporaneo, in pieno svolgimento, partecipa del desiderio di guardare avanti, abbracciando le diversità e i cambiamenti. Espressione della capacità inesauribile del cinema statunitense di reinventarsi, Kelly Reichardt è oggi, forse, la cineasta più appassionante in attività.”

Il programma dell’omaggio

In occasione del premio consegnato a Reichardt la sera del 12 agosto, verranno proposti durante il Festival (3-13 agosto) due dei suoi film:

  • Meek’s Cutoff, Kelly Reichardt – Stati Uniti – 2010
  • Night Moves, Kelly Reichardt – Stati Uniti – 2013

Sabato 13 agosto, inoltre, Reichardt incontrerà il pubblico del Festival durante una conversazione che si terrà allo Spazio Cinema.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy