Oggi in tv, il primo 007 di Craig

Visioni domestiche sui canali free. James Bond ma anche il Cavaliere oscuro di Nolan e le ladre della Coppola: i consigli della redazione
2 Giugno 2020
In evidenza, Tv
Oggi in tv, il primo 007 di Craig

Ecco i film che la redazione di Cinematografo ha selezionato tra quelli programmati in chiaro per martedì 2 giugno.

 

IL CAVALIERE OSCURO – Mediaset 20 (canale 20), ore 21:00

“Christopher Nolan mette a segno una delle più imponenti trasposizioni da fumetto che il grande schermo ricordi, inquadrando i grattacieli e le strade della fantomatica Gotham come solo Michael Mann avrebbe potuto, facendo danzare la macchina da presa (magnifico l’utilizzo delle luci di Wally Pfister, fedele direttore della fotografia dai tempi di Memento) intorno ai protagonisti, stringendoli quasi in un inestricabile vortice al progressivo crescendo della tensione. Che rimane altissima per tutti i 150′ del racconto, caratterizzato costantemente – come previsto – dalla presenza/assenza del Joker, quintessenza di una malvagità difficilmente arginabile proprio perché regolata da una follia tremendamente lucida, incarnata e resa dalla postura, il ghigno, le parole sbiascicate di Heath Ledger […].
Ed è proprio nella gestione di una così ingombrante maschera (inutile far paragoni con la passata performance di Jack Nicholson, proprio perché incanalata verso altre direzioni) – lasciandole margine di “movimento” ma al tempo stesso impedendole di cannibalizzare l’intero film – il merito più grande di Nolan.” (Valerio Sammarco)

 

BLING RING – Rai 5 (canale 23), ore 21:15

“Sofia Coppola, esperta in solitudini e in mitologie di ieri e di oggi dislocate a diverse latitudini, dopo aver letto le inchieste e un reportage di Vanity Fair sulla storia vera di questi adolescenti, ladri improvvisati più per il gusto di esserlo che per necessità, attirati come mosche fameliche dagli oggetti e i vestiti custoditi nelle ville dei super-ricchi hollywoodiani, ha scritto e diretto un film che rimane appunto sospeso in questo non-mondo, che a noi pare distante e per tantissimi non lo è. Le migliaia di paia di scarpe nel boudoir di Paris Hilton – la villa è davvero la sua – che agli occhi eccitati dei neo-ladri paiono le gemme nella grotta di Ali Babà e scatenano l’effetto Nirvana più di qualsiasi altra sostanza stupefacente, sono lì a rappresentare l’ansia per il tesoro impossibile di una società possibile. Quella stessa che poi su quei fatti e con quei protagonisti ci ha creato pure l’immancabile reality show su una delle famiglie coinvolte, Pretty Wild.” (Luca Pellegrini)

 

CASINO ROYALE – Tv 8, ore 21:30

“Bond precario. Al servizio segreto di sua maestà a tempo non determinato. Ecco l’ultimo 007 tratto dall’omonimo romanzo del primo Ian Fleming con il nuovo, contestato, Daniel Craig. Più gelido che duro, più spartano di Connery e anni luce meno edonista di Moore e Brosnan (‘Ordino la cena per due Mr. Bond?’ ‘No, per una persona9; l’altra è una donna mozzafiato), irreperibile dai capi, triste e solitario. Al nuovo Bond sembra che non gliene freghi più niente di niente. Nell’inseguimento iniziale del più che pregevole Casino Royale, diretto dal sottovalutato Martin Campbell e sceneggiato da Neal Purvis, Robert Wade e Paul Haggis (buoni dialoghi), James Bond fa esplodere un’ambasciata e ammazza chi doveva solo catturare. Quando il capo M (Judi Dench, ancora divina: ‘Dio come mi manca la guerra fredda!’) si degna di incontrarlo dopo il disastro iniziale, ecco le parole gentili: ‘Ci sono molte persone che vogliono la sua testa e io sto considerando di dargliela’. E Bond? La guarda come dire: ‘Prego’.” (Francesco Alò)

 

 

AMNESIA – Cine 34 (canale 34), ore 23:15

“Girato bene. A metà tra un mélo di famiglia e un gangster spaghetti di Tarantino. Con un cast per metà sbagliato, visto che deve sostenere la credibilità di una comunità cosmopolita, eccentrica, ma ‘vera’, da cui verrebbe fuori la pietas di uno sguardo assolutorio. Contando su un’indubbia capacità di rendere fluido anche il marmo, il premio Oscar dimentica l’equilibrio di Mediterraneo e gioca con la struttura del racconto. Bella la figura del trafficante inglese, momento in cui insorge un tono potenziale dell’idea”. (Silvio Danese, Il Giorno, 14 marzo 2002)

 

THE BUTTERFLY ROOM – LA STANZA DELLE FARFALLE – Rai Movie (canale 24), ore 3:35

“Fuga dei cervelli? Chissà, ma nel nome del genere horror il vicentino Jonathan Zarantonello è dovuto emigrare a L.A.: produzione italo-americana, cast e lingua inglese, La stanza delle farfalle ha un’ottima colonna sonora, una regia chiassosa e uno script zeppo di flashback. Agli aficionados riserverà qualche piacevole, nostalgica sorpresa, a iniziare da due scream queen da urlo: Barbara Steele ed Heather Langenkamp (l’antagonista di Nightmare). Tremate, tremate le streghe son tornate!” (Federico Pontiggia, Il Fatto Quotidiano, 6 giugno 2013)

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy