Nel mistero di The Nun

Arriva in sala il nuovo capitolo del Conjuring Universe. Siamo stati sul set in Romania: viaggio nel brivido
Nel mistero di The Nun

A firmarne il soggetto e a produrlo è il maestro dell’horror James Wan. Chissà se il regista mentre dirigeva The Conjuring immaginava che avrebbe dato vita (magari involontariamente) a una diabolica serie di produzioni delle quali fa parte anche l’imminente The NunLa vocazione del male (da oggi, 20 settembre, al cinema).

Spin-off tratto dal secondo capitolo della saga che vede protagonisti i coniugi Warren, The Nun racconta infatti le origini del terrificante demone presente ne Il caso Enfield e interpretato da Bonnie Aarons. Wan, come per Annabelle, affida la regia a terzi, avvalendosi della sceneggiatura di Gary Dauberman (IT), anche produttore esecutivo. A dirigere Damien Bichir e Taissa Farmiga (American Horror Story), rispettivamente nei ruoli di Padre Burke e Sorella Irene, il britannico Corin Hardy (The Hallow).

Il film, ambientato e girato in Romania, presenta la storia di una giovane suora di clausura che in un’abbazia si toglie la vita. Un prete dal passato burrascoso e una novizia sul procinto di prendere i voti, vengono inviati dal Vaticano per fare luce sull’evento. Insieme scopriranno il diabolico segreto dell’ordine. Mettendo a repentaglio non solo le proprie vite, ma anche la loro fede e le loro anime, si troveranno ad affrontare una terribile forza malvagia mentre l’abbazia diventerà un campo di battaglia tra i vivi e i dannati.

 

INTERNO NOTTE, Abbazia. Padre Burke è intento a studiare delle mappe servendosi del lume di alcune candele quando una voce distoglie la sua attenzione. Si guarda attorno, percorre lentamente un buio corridoio per poi ritrovarsi all’interno di una terrificante chiesa. Su un sedile siede una donna con un abito monacale… “STOP!”, la voce interrompe la scena. Siamo nei Castel Studio, a Izvorani, pochi chilometri da Bucarest e siamo al penultimo giorno di riprese dell’horror The Nun. La scenografia, curata per l’occasione da Jennifer Spence, e le ambientazioni funeree, richiamano alla mente quelle dei nostri gotici anni ‘70.

La conferma in effetti non tarda ad arrivare proprio da Gary Dauberman: “Assolutamente sì! Siamo stati molto ispirati da titoli quali Suspiria, ad esempio. Quindi sì, posso certamente dire che le atmosfere che intendiamo riproporre sono proprio quelle”. Di tanto in tanto, lo sceneggiatore osserva il monitor mentre sul set proseguono le riprese: il braccio di Bichir viene stretto da una mano mostruosa dalla quale cerca di liberarsi. “Le dita dovrebbero saltare!”, spiega Dauberman prima di ritornare alla sua postazione. Nel frattempo, diverse donne in abiti monacali e con il volto truccato di bianco attraversano il grande capannone che ospita la ricostruzione dell’abbazia. In un altro lato dello studio una piccola rampa di scale ci conduce in un angolo delle torture, tra lame affilate, strumenti di tortura, arti amputati e cadaveri.

Proseguono incessanti le riprese mentre veniamo condotti, dopo aver rivisto rapidamente la luce del sole, in una inquietante dimora. Rapida visita sul set ormai dismesso e poi eccoci a visitare una fossa perfettamente ricostruita. Breve pausa e quindi possibilità di scambiare quattro chiacchiere con Corin Hardy, che dice rapidamente, evitando di lasciarsi sfuggire qualche dettaglio di troppo: “Gli ambienti in The Nun diventano via via sempre più spaventosi e antichi. Le location e i vari ambienti erano già presenti in sceneggiatura quando ho letto il copione e proprio la loro descrizione mi ha attratto. Leggendolo ero consapevole di poter dare un contributo, a livello visivo, al film: c’è infatti molto contrasto tra luce e buio. L’atmosfera sarà tetra e piena di ombre, ma non mancheranno i colori. La figura della suora poi è iconica, non la dimenticherete facilmente! Per il ruolo di Taissa invece posso dire che prima di lei ho provinato circa 100 attrici. Inizialmente cercavamo un’europea. Ma poi è arrivata lei e ha rivelato un talento straordinario”.

Insomma, il terrore sembra essere garantito. Fate incetta di acqua santa e munitevi di crocefisso… che la discesa negli inferi abbia inizio! Un altro capitolo del Conjuring Universe sta arrivando…

Articolo pubblicato sul numero 7-8 della Rivista del Cinematografo – Anno 2018

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy