Il miracolo di Bella Thorne

"La mia Cenerentola condannata a stare al buio", dice l'ex stellina Disney. Al cinema con Il sole a mezzanotte
Il miracolo di Bella Thorne

“Ogni singolo giorno è un miracolo”. Parola dell’americana Bella Thorne. Bella di nome e di fatto, a soli vent’anni l’ex stellina Disney è un’attrice, una cantante e una modella di successo che ha più di 17mila follower su Instagram. Ora è in Italia per presentare il film Il sole a mezzanotte di Scott Speer in cui interpreta una giovane diciassettenne costretta fin da piccola a vivere nel buio della sua casa perché soffre di una rara malattia che rende per lei letale anche la minima esposizione alla luce del sole.

“Katie è simile a un personaggio delle favole, è una grande sognatrice, ma sfortunatamente è affetta da Xeroderma Pigmentosum, una patologia che la costringe a vivere chiusa in casa insieme al padre. Lei, come Cenerentola, vive in costante lotta con se stessa e vorrebbe fare di più, ma è obbligata a stare nel buio”, spiega Bella che si è molto rispecchiata nel ruolo da lei interpretato. “Uno degli aspetti che più mi ha colpito di questo film è proprio il rapporto che Katie ha con suo padre perché mi ha ricordato quello che ho adesso con mia madre. Ho perso mio padre diversi anni fa e quindi ho vissuto una sorta di analogia tra me e Katie, entrambe orfane”, dice l’attrice che recita per la prima volta in un ruolo drammatico molto diverso da quelli brillanti precedentemente interpretati come Ruthir Spivey nella serie tv My own worst enemy e Cece Jones in A tutto ritmo.

 

Al centro del film, che si rifà al lungometraggio giapponese Song to the Sun, oltre alla malattia c’è soprattutto la storia d’amore tra Katie e Charlie (Patrick Swarzenegger), un giovane nuotatore, di cui lei era segretamente innamorata e che osservava tutti i giorni dalla finestra. 

“Questo film non è solo per i giovani, ma è per tutti”, specifica Bella che poi suggerisce di cercare di prendere il meglio della vita sorridendo nonostante le difficoltà: “Da bambina ho imparato cosa significa soffrire per un problema che ho avuto e ho anche imparato che non bisogna sempre rimandare e procrastinare. Molti coetanei pensano vabbè dirò domani al mio amico o al mio parente che gli voglio bene. Ma i momenti non sono eterni e il messaggio del film è proprio questo. Per Katie è un miracolo essere viva ogni giorno, anche se non può godersi tutto. Bisogna quindi dare importanza ai piccoli momenti della nostra vita esattamente come fa lei”.

Ma a che cosa Bella Thorne non potrebbe mai rinunciare? “Proprio alla luce del sole che per me è energia e mi permette di affrontare i vari impegni lavorativi che mi aspettano nel corso della giornata”. E nel suo caso la luce del sole è davvero fondamentale perché gli impegni che porta avanti sono veramente tanti: dalla musica al cinema. Una carriera che l’ha vista protagonista del film Assassination Nation (il più comprato del Sundance) e fare parte del cast del nuovo attesissimo film di Xavier Dolan intitolato The death and life of John F. Donovan. 

Una carriera fatta anche di scelte coraggiose rispetto ai rigidi modelli hollywoodiani e che l’ha vista in prima linea nelle cause vicino al suo cuore come la dislessia (disturbo di cui lei stessa ha sofferto) e contro le molestie (Bella ha confessato di essere stata vittima di abusi da piccola). “Alla mia età si può solo essere coraggiosi. Da musicista e da attrice so che porto avanti un messaggio e noi abbiamo bisogno di persone che arrechino un cambiamento. Anche nei gesti quotidiani, come versare un bicchiere d’acqua, esiste il bene che uno dà all’altro”, dice Belle. 

 

Ma che cosa è per lei il successo? Ci pensa un po’ prima di rispondere e dopo aver riflettuto racconta: “Un giorno camminavo con un mio amico che mi chiese dove mi vedevo tra vent’anni. Gli  ho detto che tra vent’anni mi vedevo felice. Per me il successo vuol dire essere felice”. Bella la vedremo presto anche in un altro film diretto da Scott Speer in uscita ad ottobre: “Si intitola I still see you, è molto più dark rispetto a questo ma vi farà piangere anche questa pellicola”. Per ora, fazzoletti alla mano, prepariamoci a vedere Il sole a mezzanotte che uscirà nelle sale il 22 marzo distribuito da Eagle Pictures. 

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy