Mel Gibson si censura

Via le scene più cruente dalla Passione di Cristo. La versione tagliata torna a marzo nelle sale Usa
10 Febbraio 2005
Mel Gibson si censura

Mel Gibson censura la sua Passione. A partire dall’11 marzo, il controverso film sulle ultime ore di Cristo tornerà in oltre 500 sale americane in una versione epurata dalle scene più cruente, dal titolo The Passion Recut. A disporre i tagli, che ammontano a un totale di circa 6 minuti, è stato lo stesso regista. Scopo dell’operazione, ha dichiarato a Variety, è quello di eludere il divieto a cui era stato sottoposto l’originale e raggiungere così il pubblico dei più giovani. Secondo quanto riportato da Bruce Davey, partner di Gibson nella Icon Production, l’iniziativa risponde a una forte richiesta da parte degli ambienti cattolici, di riavere il film in sala per Pasqua, in una versione più soft. Oggetto dei tagli sarebbe in particolare la scena della fustigazione di Cristo, che lo scorso anno aveva scoraggiato dalla visione il pubblico più sensibile. Nonostante questo, il film aveva sbancato il box-office Usa, incassando un totale di oltre 370 milioni di dollari.

Lascia una recensione

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy