Le voci sole in sala

Premiato a Seattle, in concorso a Taormina, il film di Andrea Brusa e Marco Scotuzzi arriva sugli schermi dal 4 al 6 luglio
20 Giugno 2022
In evidenza
Le voci sole in sala
Giovanni Storti in Le voci sole

Dopo essersi aggiudicato il Gran Premio della Giuria al Seattle International Film Festival, dove è stato presentato in anteprima mondiale, il film Le voci sole, dei registi Andrea Brusa e Marco Scotuzzi, sarà presentato in anteprima italiana e in concorso al 68.mo Taormina Film Fest, per poi uscire nelle sale il 4, 5 e 6 luglio distribuito da Medusa Film.

Nei panni del protagonista Giovanni Storti del celebre trio Aldo, Giovanni e Giacomo, che debutta da solista in un inedito ruolo drammatico affiancato da Alessandra Faiella, altra storica attrice comica e Davide Calgaro (Odio l’Estate), in un’opera che ha riscosso grande successo di critica e pubblico al suo esordio negli Stati Uniti.

“Le voci sole – hanno spiegato i registi – è il racconto intimo di una caduta agli inferi, una delle tante parabole drammatiche e spesso grottesche che ci affascinano da sempre. La storia di una famiglia che, abbagliata da una popolarità incontrata per caso sui social network, lentamente si disgrega e scivola nell’abisso senza neanche rendersene conto”.

Il film, che rappresenta uno dei due titoli italiani selezionati in concorso al Festival, è scritto da Andrea Brusa ed è prodotto da Andrea Italia per Nieminen Film in collaborazione con Point Nemo Èliseo Multimedia. Opera prima di Brusa e Scotuzzi, già pluripremiati per i loro cortometraggi precedenti, Il muro bianco Respiro, finalisti ai Nastri d’Argento e Magic Alps, nominato ai David di Donatello, con protagonista proprio Giovanni Storti.

A proposito del film Storti ha dichiarato: “Questo è il mio primo ruolo drammatico e mi piace molto. Ho scelto di partecipare a questo progetto perché mi fido di Andrea e Marco, con i quali ho già lavorato in passato. Quando mi hanno proposto questo lungometraggio ho detto sì, perché è una idea originale che mi è piaciuta subito, ancora una volta una storia vera e forte. I temi sono molto attuali e sono quelli che mi hanno convinto a fare questo film: la storia di una famiglia che vive con lo stipendio del padre, che si trasferisce con l’azienda in Polonia, per non perdere il lavoro e che ben presto scopre che come la celebrità data inaspettatamente dai social sia un’arma a doppio taglio, e piuttosto pericolosa”.


Sinossi:
 A causa della pandemia, Giovanni si ritrova senza lavoro. Costretto a emigrare in Polonia per cercare una nuova occupazione, resta in contatto con la moglie e il figlio grazie a lunghe videochiamate quotidiane in cui la donna gli insegna a cucinare da remoto. Quando una di queste telefonate diventa inaspettatamente virale in rete, la coppia raggiunge una popolarità che pare la soluzione di tutti i loro problemi economici. Presto però questa botta di fortuna si trasformerà in una trappola…

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy