Il grande freddo

Claudio Noce al Festival di Roma con il thriller La foresta di ghiaccio: "Girato in alta quota perché palcoscenico perfetto per questa vicenda"
23 Ottobre 2014
Il grande freddo

“Una storia di vendetta, di amicizia e tradimento, ma anche di senso di appartenenza, qualcosa che forse ha a che fare con il passato. Anche per questo, forse, ho deciso di ambientare il film tra le montagne e le foreste ghiacciate, palcoscenico perfetto per questa vicenda”. Claudio Noce porta al Festival di Roma (Cinema d’Oggi) la sua opera seconda, La foresta di ghiaccio, che Fandango distribuirà in sala dal 13 novembre.
Un improvviso blackout trascina nel buio un paesino di montagna. Un guasto sta flagellando la centrale elettrica in quota. Pietro (Domenico Diele), operaio specializzato al primo incarico, viene spedito a risolvere il problema. Ma in quella terribile terra ghiacciata inizia il viaggio dentro un mistero, e ognuno nasconde un segreto: Lorenzo (Adriano Giannini), il capo tecnico con cui Pietro ha legato, si rivela il cassiere di una strana organizzazione; l’inavvicinabile guardiano della diga, Secondo (Emir Kusturica), è la bestia che guida quella banda, e la zoologa Lana (Ksenia Rappoport), studiosa di orsi, sembra anche lei nascondere qualcosa.
Claudio Noce abbandona la metropoli (Good Morning Aman) e si porta in Val di Daone, nella centrale di Cimego, sulle dighe di Bissina e Boazzo, ai piedi delle cime del Gruppo dell’Adamello, in Trentino, per costruire un thriller d’alta quota: “La caratterizzazione dei personaggi si è formata anche stando lì – spiega Adriano Giannini – frequentando le persone del posto, mangiando e condividendo molto”. Ksenia Rappoport interpreta invece una donna slovena e per entrare nella parte “abbiamo fatto una lunga preparazione, soprattutto incentrata sull’aspetto fisico. Anche gli abiti mi hanno aiutato molto: vestiti enormi, da uomo, e scarponi da montagna di qualche misura più grandi. Ma erano perfetti, rovinati, sporchi”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy