Il festival della commedia

"Non è una vetrina personale, ma un'iniziativa popolare", dice Carlo Verdone. Che, dal Lago Maggiore, annuncia per il 2012 Stresa Film Comedy
29 Maggio 2011
Il festival della commedia

“Questo è un progetto delicato, una sfida ambiziosa e difficile che mi sta a cuore e che accolgo con estrema serietà. Non è una vetrina personale, lo faccio perché ci credo molto”. Così Carlo Verdone presenta il progetto che porterà nel 2012 alla realizzazione della prima edizione dello Stresa Film Comedy. Nella splendida cornice offerta dal lago Maggiore si è svolta la conferenza stampa di un festival che, ci tiene a sottolinearlo l’attore e regista romano, “sarà popolare, per la gente, ricco di proiezioni, anteprime, retrospettive nazionali e internazionali e incontri con personalità di spicco della commedia. Un festival che unisca l’intrattenimento con la formazione, sul modello già collaudato, anni fa, a Siena con l’amico Mario Sesti”.
Ed è proprio il critico messinese a ricordare quanto sia fondamentale celebrare la commedia “erroneamente considerata come qualcosa di minore all’interno dei generi, ma invece d’importanza fondamentale in tutte le cinematografie e soprattutto nella nostra. Nel dopo guerra siamo stati capaci di inventare un genere che intuiva le variazioni di costume del nostro popolo, ancora prima che avvenissero. Tutto il mondo ci ha invidiato la capacità di far ridere, dicendo verità fondamentali per noi stessi e per il nostro Paese”. E continua: “Stresa avrà il compito di impedire che un comico come Totò, per citarne uno, venga apprezzato solamente a vent’anni dalla morte. Dovremo essere un cantiere aperto che rifletta sulla comicità del passato e comprenda cosa determina il successo delle nuove maschere”.
Per formare gli appassionati di questo genere, nascerà quindi la Casa della Commedia, una scuola permanente che dia la possibilità ai giovani della zona (ma non solo) di interagire con i maestri del mestiere e che avrà come prime guest star Paolo Virzì e Paola Cortellesi (presenze già confermate). La scuola sorgerà nella splendida Villa Palazzola, che sarà sottoposta ad un’opera di restauro che durerà due anni. Il comune di Stresa, la provincia del Verbano Cusio Ossola e la Regione Piemonte hanno accolto con grande entusiasmo questo progetto, convinti che “la valorizzazione dei paesaggi naturali della zona, passi anche attraverso festival di musica e di cinema, fondamentali per competere turisticamente con gli altri laghi del Nord Italia”, come ha affermato il sindaco di Stresa, Canio Di Milia.
Film Commission Torino Piemonte, per bocca del suo presidente Steve della Casa, sostiene il progetto del festival: “Un’iniziativa bella e unica che non entra in contrasto con nessun’altra esistente e che può solamente far crescere la nostra regione”. Oltre a Verdone in qualità di presidente, e a Sesti, direttore artistico, fanno parte dell’organizzazione Angela Prudenzi (direttore organizzativo) e Dada Saligeri (produttore esecutivo). La manifestazione, che durerà 3 giorni e si svolgerà nella prima settimana di luglio, assegnerà ogni anno 4 premi alla migliore commedia, alla miglior sceneggiatura, al miglior attore e alla migliore attrice.
Durante la conferenza stampa è stata infine lanciata una curiosa campagna di “arruolamento” al fine di realizzare un libro che raccolga tutte le produzioni cinematografiche girate sul Lago Maggiore. I ricercatori torinesi Claudio Di Minno, Matteo Pollone e Caterina Taricano hanno chiesto alla popolazione lacustre di aiutarli a raccogliere quante più informazioni possibili per testimoniare il passaggio in queste terre amene di tutti i più grandi attori e registi italiani e internazionali. Il lago Maggiore si arricchisce quindi di una nuova importante vetrina.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy