Il fattore umano al XXII TMFF

Presentato alla Filmoteca Vaticana il documentario di Giacomo Gatti. Davide Milani: "Una guerra contro gli stereotipi"
12 dicembre 2018
Eventi, In evidenza
Il fattore umano al XXII TMFF

“Non si tratta di un’operazione di marketing. Ci siamo focalizzati sui volti, sull’umanità dei nostri protagonisti. Ognuno ci racconta un pezzo di verità, si muove con estrema naturalezza. Ci siamo messi in ascolto delle cose, come diceva Olmi”, spiega Giacomo Gatti, regista de Il fattore umano. Lo spirito del lavoro. La proiezione si è svolta alla Filmoteca Vaticana, nell’ambito del XXII Tertio Millennio Film Fest. Il tema di quest’anno è I giorni della rivolta. Guerra, rivoluzione e riscatto.

Il documentario parla di una quindicina di eccellenze italiane: aziende diversissime per storia, settore e territorio, ma unite da un filo invisibile, quello della responsabilità. Tutte, infatti, declinano a loro modo una stessa visione: l’impresa non è solo profitto, ma sviluppo, cultura, creatività. È un ponte verso il futuro da costruire insieme, nel rispetto dell’ambiente, della società, e soprattutto dell’uomo.

Qui il lavoro è raccontato anche attraverso l’aspetto emozionale, attraverso il bello, che spesso viene dimenticato: c’è chi dichiara di mettere una parte di sé in ogni trattore che costruisce, chi realizza una vera economia circolare recuperando reti da pesca, chi ha scommesso sugli agricoltori per rilanciare il settore. E ancora, chi valorizza i legami generazionali fra i dipendenti del proprio pastificio, chi descrive l’impegno che c’è dietro i fumetti in edicola ogni settimana, chi sviluppa arti artificiali che conservano il senso del tatto, chi trasforma un lanificio in una banca, chi aiuta le start-up a diventare grandi, chi ogni anno assume a tempo indeterminato venti giovani meritevoli.

Il fattore umano è una guerra contro gli stereotipi, abbatte tanti luoghi comuni sul mondo del lavoro, dei giovani e sul nostro Paese. È una rivolta silenziosa che in molti portano avanti”, afferma Mons. Davide Milani, presidente della Fondazione Ente dello Spettacolo. Aggiunge Linda Gilli, presidente e amministratore delegato di Inaz: “Una visione positiva, un modo per mostrare all’estero quello che noi italiani sappiamo fare”.

Il film è prodotto da Inaz – Osservatorio Imprese Lavoro in collaborazione con Fondazione Ente dello SpettacoloFesta del Cinema di Roma e Fondazione del Cinema per Roma, e ha il patrocinio della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro. La pellicola si avvale della consulenza scientifica di Marco Vitale.

Lascia una recensione

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy