Il cinema italiano visto da Milano

Dal 5 al 12 marzo, la 14esima edizione del festival: da Marco D'Amore a Isabella Ragonese, ospiti e tante proiezioni
Il cinema italiano visto da Milano

Si terrà dal 5 al 12 marzo 2016 la 14esima edizione del Festival IL CINEMA ITALIANO VISTO DA MILANO, festival organizzato da Fondazione Cineteca Italiana.

Tre i luoghi coinvolti – Spazio Oberdan, MIC Museo Interattivo del Cinema e AREA METROPOLIS 2.0 di Paderno Dugnano – per otto giorni di cinema italiano.

Accanto ai film del concorso (sezione Rivelazioni), importanti anteprime per Milano (sezione Amori a prima vista), i migliori film della stagione (Sezione Riprendimi), gli omaggi (sezione Ricordati di me) e i restauri (sezione Ritorni di Fiamma).

La presenza di autori e attori ha da sempre rappresentato un punto di forza del festival.

Per l’edizione 2016, anche con la collaborazione de Lo Scrittoio, hanno confermato la propria presenza: Marco D’Amore, Francesco Ghiaccio, Fiorella Infascelli, Laura Morante, Veronica Pivetti, Isabella Ragonese, Silvia Scola,  Gianni Zanasi.

Il Concorso Rivelazioni, la cui giuria è affidata interamente al pubblico, propone cinque opere prime tutte in anteprima per Milano provenienti dai principali festival nazionali ed internazionali: Il bambino di vetro di Federico Cruciani, Bangland di Lorenzo Berghella, All’improvviso Komir di Rocco Ricciardulli, Asino vola di Marcello Fonte e Paolo Tripodi e Le fantasticherie di un passeggiatore solitario di Paolo Gaudio.

Si segnalano inoltre l’anteprima di: Era d’estate di Fiorella Infascelli, Solo per il weekend di Gianfranco Gaioni aka Director Kobayashi, commedia interamente girata a Milano, Prima che la vita cambi noi di Felice Pesoli, documentario sui movimenti beat meneghini degli anni ’60 e ’70 e I racconti dell’orso di Samuele Sestieri e Olmo Amato.

E ancora le riprese di:  Lea di Marco Tullio Giordana, Dobbiamo parlare di Sergio Rubini, Io e lei di Mariasole Tognazzi, Un posto sicuro di Francesco Ghiaccio, La felicità è un sistema complesso di Gianni Zanasi, Assolo – diretto e interpretato da Laura Morante (alla quale viene dedicato un omaggio con proiezioni speciali), Né Giulietta né Romeo, il debutto alla regia per Veronica Pivetti, Astrosamantha – la donna dei record nello spazio di Gianluca Cerasola, In guerra di Davide Sibaldi, proiettato in Human 4D e Vinicio Capossela – Nel paese dei Coppoloni di Stefano Obino.

Tre gli omaggi dell’edizione: ad Ettore Scola alla presenza della figlia Silvia Scola, a Laura Morante e a Claudio Caligari con la proiezione de La parte bassa, suo documentario del 1978 restaurato da CSC – Cineteca Nazionale.

Per i restauri sarà presentato in anteprima nazionale “Il filmaker che cadde sulla terra”, dvd edito da Fondazione Cineteca Italiana dedicato a Gianfranco Brebbia, regista varesino autore di sorprendenti opere di video-arte negli Anni Settanta e annoverato tra i massimi esponenti del cinema sperimentale italiano dell’epoca. In programma un evento live con Antonio Zambrini al pianoforte.

 Molto spazio viene dedicato alle giovani generazioni che grazie al progetto per i licei milanesi dal titolo CHI MI AMA MI SEGUA potranno incontrare i protagonisti della settima arte e approfondire la cultura cinematografica.

 Il cinema italiano visto da Milano è sostenuto da Direzione Generale Cinema – Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, Regione Lombardia, Città Metropolitana, Comune di Milano e Paderno Dugnano.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy