Fipresci, i premiati

Cannes 72, i critici internazionali prediligono It Must Be Heaven di Elia Suleiman. Poi, Beanpole e The Lighthouse
Fipresci, i premiati

It Must Be Heaven di Elia Suleiman è salito in cima alle preferenze dei critici cinematografici internazionali, vincendo il premio FIPRESCI al 72° Festival di Cannes sabato.

“In un modo sottile, stilisticamente forte e umoristico, questo film racconta una storia che va oltre la politica, le religioni, le autorità e le differenze culturali”, recita la motivazione.

La giuria di quest’anno è stata presieduta da Paulo Portugal, un critico del portoghese Correio de Manha, Premiere e GQ. La giuria è stata completata da otto critici di tutto il mondo, tra cui Stati Uniti, Francia, Israele e Bangladesh.

Nel collaterale Un Certain Regard, Beanpole di Kantemir Balagov ha preso il Fipresci. Balagov ha anche vinto come miglior regista nei premi ufficiali. I critici hanno lodato “il suo uso altamente estetico del mezzo del cinema e della sua storia unica di trauma post-bellico”.

Nelle sezioni parallele, è stato prescelto The Lighthouse di Robert Eggers, con Robert Pattinson e Willem Dafoe. “Una celebrazione della lingua, sia dal punto di vista cinematografico che linguistico – un vecchio poema irlandese di desiderio e avidità. Una brutale opera d’arte, tutta girata in una bellissima fotografia in bianco e nero e alimentata da un paesaggio sonoro che riecheggia come una sirena”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy