Figli in prima visione

Lunedì 11 maggio su Sky Cinema, on demand e su NOW TV l'ultimo regalo che ci ha lasciato Mattia Torre. Con Valerio Mastandrea e Paola Cortellesi
8 Maggio 2020
In evidenza
Figli in prima visione
Figli - Foto Andrea Pirrello

Sarebbe dovuto essere il terzo film di Mattia Torre, nato da un monologo che aveva scritto per l’amico Valerio Mastandrea.

E invece è stato per un gioco beffardo del destino l’ultimo “figlio” partorito da una mente brillante e mai banale.

Stiamo parlando di Figli, il film diretto da Giuseppe Bonito con protagonisti Paola Cortellesi e lo stesso Valerio Mastandrea, che arriva in prima tv su Sky lunedì 11 maggio alle 21.15 su Sky Cinema Uno e alle 21.45 su Sky Cinema #IoRestoACasa 1, disponibile anche on demand su Sky e in streaming su NOW TV.

Figli

“Figli è un film di Mattia Torre – ha precisato il regista Giuseppe Bonito –. Questa premessa mi sembra necessaria per raccontare il mio approccio alla regia del film dopo la prematura scomparsa di Mattia. Dico ‘un film di’ e non semplicemente ‘un film scritto da’ perché conoscevo bene Mattia e sapevo quanto vissuto ci fosse in questo copione. Il film è un distillato innanzitutto della sua vita ma, a mio avviso, trascende questa sfera privata per diventare lo specchio della vita di tutti noi“.

Il film – una produzione Vision Distribution, Wildside, The Apartment, in collaborazione con Sky e Amazon Prime Video – racconta la storia di una giovane coppia, Sara (Paola Cortellesi) e Nicola (Valerio Mastandrea), sposati e innamorati. Hanno una bambina di 6 anni, Anna, e una vita felice. L’arrivo del secondo figlio, Pietro, sconvolge gli equilibri di tutta la famiglia dando vita a situazioni tragicomiche. Nonni stravaganti, amici sull’orlo di una crisi di nervi e improbabili baby-sitter non saranno loro di aiuto. Tra attimi di felicità e situazioni di sconforto, Sara e Nicola riusciranno a resistere e a rimanere insieme?

“Figli è la storia, comica e commovente, di una coppia, di due persone che si amano e che provano a reggere all’onda d’urto della genitorialità in un tempo caotico e in un Paese sempre più ostile – ha spiegato ancora Bonito –. In questo film si fondono insieme il registro comico ma anche l’analisi profonda; si mescolano, talvolta persino nella stessa situazione, la realtà, la percezione della realtà e l’inconscio, con una disinvoltura e una apparente leggerezza che solo i grandi autori posseggono“.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy