Dall’Afghanistan con dolore

Domani 18 giugno su SkyTG24 il premiato documentario Hell and Back Again, protagonista il marine Nathan Harris e le sue due guerre
17 Giugno 2015
Business, In evidenza, Tv
Dall’Afghanistan con dolore

Il 18 giugno, in occasione del secondo anniversario del ritiro delle truppe NATO dall’Afganistan, Sky TG24 propone il documentario candidato agli Oscar 2012, Hell and Back Again, Premio della Giuria al Sundance Film Festival e che ricevuto numerosi riconoscimenti in tutto il mondo, in onda alle 21.10 di giovedì 18 giugno sul Canale 27 del digitale terrestre.
Hell and Back Again racconta la “guerra quotidiana” del marine Nathan Harris, sergente comandante sul fronte afghano e reduce e invalido a casa, nel North Carolina. Come i protagonisti di The Hurt Locker e American Sniper, anche Nathan Harris lotta su due fronti, quello Afgano e quello domestico.
Il 25enne sergente dei Marines Nathan Harris è al comando del 2° plotone della Compagnia Echo, inviata nel sud dell’Afghanistan nell’estate del 2009 per una missione speciale dietro le linee nemiche. Per sei mesi guiderà il plotone nelle incursioni e negli assalti alle roccaforti talebane, fino a che, gravemente ferito in un’imboscata, verrà rimpatriato. L’esperienza del ritorno a casa – tra i dolori della riabilitazione e i disagi del reinserimento nella società civile – si rivelerà quasi più drammatica della guerra. L’amore della moglie Ashley, sempre al suo fianco con pazienza e comprensione immense, riuscirà forse a lenire qualche ferita.
Oltre il documentario, quasi un film, opera straordinaria basata su fatti reali e pionieristica ed eccezionale opera prima del fotoreporter di guerra Danfung Dannis, che ha effettuato tutte le riprese esclusivamente con una reflex digitale, in full HD. La narrazione è caratterizzata dall’intersecarsi delle vivide immagini del fronte con quelle ugualmente crude in North Carolina – quasi seguendo il ritmo dei differenti stati d’animo del protagonista – ed è ulteriormente valorizzata da un uso curatissimo degli effetti sonori.
“Non potrò più tornare a combattere lì, nell’unico posto in cui vorrei trovarmi ora”. Le tristi e lucide parole conclusive del sergente Harris rappresentano il dramma di un’intera generazione di marines, che lotta per trovare un’identità in un’America sempre più indifferente alle loro sorti.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy