Colpo di CODA

Nel weekend che precede gli Oscar, I segni del cuore vince i premi delle gilde dei produttori e degli sceneggiatori. E si impone come il grande rivale de Il potere del cane
21 Marzo 2022
In evidenza, Premi
Colpo di CODA
Amy Forsyth, Daniel Durant, Marlee Matlin and Troy Kotsur in CODA

Nel penultimo weekend della Awards Season americana, a una settimana dalla cerimonia più importante, quella degli Oscar, I segni del cuore – CODA si impone definitivamente come il vero rivale del grande favorito della stagione, Il potere del cane.

Uno status già annunciato dalla vittoria ai SAG per il miglior cast – storicamente un indicatore per le scelte dell’Academy – e che oggi si consolida con altri due riconoscimenti molto importanti.

I segni del cuore – CODA, infatti, ha ottenuto il principale riconoscimento della Producers Guild of America (PGA), il Darryl F. Zanuck Award, superando la concorrenza dei nove contendenti, tra i quali Il potere del cane, Dune e Belfast. Nel corso delle sue trentatré edizioni, solo in nove occasioni il vincitore del PGA non ha portato a casa l’Oscar per il miglior film.

Presentato al Sundance 2021 e acquistato da Apple per 25 milioni di dollari, I segni del cuore – CODA ha conquistato anche la Writers Guild of America, che ieri, domenica 20 marzo, ha onorato la sua autrice Siân Heder con il premio per la miglior sceneggiatura non originale. In questo caso Jane Campion non era candidabile in quanto possono essere nominati e premiati solo i membri della WGA.

Il sindacato degli sceneggiatori americani ha premiato anche Adam McKay e David Sirota per Don’t Look Up per la miglior sceneggiatura originale: un premio inatteso considerando le presenze dei più quotati Paul Thomas Anderson per Licorice Pizza e Aaron Sorkin per A proposito dei Ricardo.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy