Che sala che fa?

L'Anec organizza una conferenza stampa venerdì 18 febbraio a Roma: "Nell'esercizio pesanti criticità che tardano ad essere affrontate a livello istituzionale"
Che sala che fa?
Una sala del Madison di Roma

L’Associazione Nazionale Esercenti Cinema (ANEC), in coordinamento con le rappresentanze dell’esercizio cinematografico ACEC e FICE, terrà una conferenza stampa Venerdì 18 febbraio 2022 alle ore 11.00 presso la sede nazionale di Via di Villa Patrizi, 10, e trasmessa live in streaming sulla pagina Facebook di Anec.

A due anni dalle prime chiusure di sale cinematografiche avvenute venerdì 21 febbraio 2020 con i primi provvedimenti di sospensione dell’attività che hanno riguardato i cinema di Casalpusterlengo (Lodi) e la zona di Vo’ Euganeo (PD), seguiti l’indomani dai comuni di Crema, Cremona e Piacenza, la situazione dell’intero comparto dell’esercizio si trova tutt’oggi a confrontarsi con pesanti criticità che tardano ad essere affrontate a livello istituzionale.

Le sale – si legge nel comunicato dell’Anec – hanno superato chiusure e riaperture imposte in maniera alternata negli ultimi 24 mesi ed ogni volta, predisponendosi a dichiarate azioni di ripartenza si sono dovute confrontare con misure restrittive sempre più stringenti e tali da inficiare ogni possibilità di avviare in maniera concreta un percorso di ritorno ad una graduale normalità.

Tutto ciò non è più sostenibile!!!

I settori produttivi, di intrattenimento e di evasione stanno vivendo un rapido ritorno ai periodi pre-pandemici operando con misure che consentono l’esercizio di ogni attività parte integrante della sostenibilità economica e d’impresa, aspetti che non sono ancora consentiti alle sale cinematografiche. Inspiegabilmente!

Consumazioni vietate nelle sale cinematografiche, film senza regole chiare negli sfruttamenti successivi alla sala cinematografica, protocolli di accesso agli spettacoli cinematografici ancora eccessivamente stringenti ed onerosi per il comparto. Sono solo alcuni dei punti che l’esercizio non può più sostenere e stanno determinando la rapida scomparsa degli schermi attivi sul territorio nazionale.

Azioni immediate da parte delle istituzioni e un piano di risposte concrete per rilanciare l’esperienza cinematografica e guardare al futuro.

L’Europa – prosegue il comunicato degli esercenti – è tornata al cinema, i governi agevolano la fruizione delle sale cinematografiche, il 2021 si è chiuso ovunque con una crescita rispetto al 2020, mentre in Italia si continua a perdere spettatori senza alcuna apparente reazione da parte della politica e delle istituzioni locali e nazionali.

Agire subito per sostenere il rilancio del cinema e non dover più parlare di “sopravvivenza dell’esercizio cinematografico”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy