Cannes 2019, Alain Delon Palma d’Onore

Il Festival rende omaggio al grande divo francese. Leggenda vivente e icona globale, attore diretto da tutti i maestri della settima arte
Cannes 2019, Alain Delon Palma d’Onore

Il Festival di Cannes ha deciso di assegnare ad Alain Delon una Palma d’onore per rendere omaggio alla sua meravigliosa presenza nella storia del cinema.

Dopo Jeanne Moreau, Woody Allen, Bernardo Bertolucci, Jane Fonda, Clint Eastwood, Jean-Paul Belmondo, Manoel de Oliveira, Agnès Varda e Jean-Pierre Léaud, il Festival di Cannes assegna il riconoscimento al leggendario attore che ha recitato nel Gattopardo di Luchino Visconti (Palma d’oro 1963).

“Pierre Lescure ed io siamo lieti che Alain Delon abbia accettato di essere onorato dal Festival”, dice Thierry Frémaux, Delegato Generale. “Ha esitato a lungo, perché pensava che sarebbe dovuto venire a Cannes solo per festeggiare i registi con cui aveva lavorato”.

Leggenda vivente e icona globale, Alain Delon in Giappone, dove è venerato, è anche conosciuto come “Samurai di primavera”. Più di 80 film, innumerevoli capolavori testimoniano la portata artistica e l’aura internazionale di un uomo divenuto celebre grazie a Delitto in pieno sole (1960), gangster movie con cui René Clément ha inventato il mito di Delon. Un diamante grezzo, che all’epoca aveva solo 25 anni.

Molti dei suoi film sono diventati classici. Esplorare la sua filmografia è come (ri)vivere alcune delle migliori opere del cinema contemporaneo. Diretto dai più grandi nomi (Antonioni, Visconti, Melville, Losey, Godard, Deray…), ha recitato accanto alle più grandi stelle del cinema (Gabin, Lancaster, Montand, Sharif, Ventura) e ha abbracciato le migliori attrici (Mireille Darc, Romy Schneider, Claudia Cardinale, Ursula Andress, Monica Vitti).

Combinando l’eccellenza artistica con il successo commerciale, è un campione d’incassi (Borsalino, I senza nome) che non si è mai allontanato dal cinema indipendente. Nel 1964, ha prodotto Il ribelle di Algeri di Alain Cavalier prima di spostarsi dietro la macchina da presa per due gialli, Per la pelle di un poliziotto (basato sul romanzo di Jean-Patrick Manchett) e Braccato.

Magnetico nei film di Visconti e misterioso nei thriller di Melville e Verneuil, Alain Delon ha sempre fatto scelte forti. Rapidamente si scrollò di dosso l’apparenza dell’affascinante giovane eroe, concentrandosi su personaggi complessi, ambivalenti e tragici, fragili ma grossolani e dando forma al ruolo di poliziotti e animali a sangue freddo. Con il suo carisma, i suoi occhi e la sua espressione, la recitazione di Delon è un genere a sé stante in Frank Costello faccia d’angelo, enorme fonte di ispirazione per John Woo e Quentin Tarantino.

Il legame con il Festival di Cannes risale all’inizio della sua carriera. Il 13 maggio 1961, la sua prima camminata sui gradini del red carpet di Che gioia vivere, presentato nella Selezione Ufficiale, fu accolta con grande entusiasmo da fotografi e giornalisti mescolati a centinaia di ammiratori. La folla non fu meno entusiasta 30 anni dopo il suo arrivo spettacolare in elicottero e in barca per presentare Nouvelle Vague. Tra i due, ci sono stati anche L’eclisse (1962), Il gattopardo (1963) e Mr. Klein (1976).
“C’è così tanto di me stesso in quel film”, ha detto di quest’ultimo in una recente intervista con Samuel Blumenfeld per Le Monde. “Il mio amore per i dipinti, l’ambiguo rapporto tra le persone e questo tipo di gioco in cui sono il signor Klein senza sapere perché. Essere e non voler essere, pur essendo lui”.

Alain Delon ha spesso frequentato Cannes. Ha partecipato alle cerimonie del 60° anniversario del Festival e ha sostenuto i restauri cinematografici di Cannes Classics dei film a lui cari. Negli ultimi anni, è stato anche visto in sala con sua figlia Anouchka.

Alain Delon ha dichiarato il ritiro dalle scene. Ma ha un rimpianto. “C’è una cosa che mi è sfuggita e che mi perseguiterà sempre: mi sarebbe piaciuto essere stato diretto da una donna prima di morire”.

Il 72° Festival di Cannes si svolgerà dal 14 al 25 maggio. La giuria sarà presieduta da Alejandro González Inárritu. The Dead Don’t Die di Jim Jarmusch aprirà la competizione.

La Selezione Ufficiale 2019 sarà annunciata domani, giovedì 18 aprile dalle 11, in diretta su YouTube, Dailymotion, Facebook, Twitter e sul sito del Festival.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy