Box office, Non ci resta che il crimine

La commedia di Massimiliano Bruno entra in vetta nella top ten. Aquaman, secondo, sfonda la parete del miliardo di dollari worldwide
Box office, Non ci resta che il crimine

Cambio in vertice al box office. Balza in testa la new entry Non ci resta che il crimine, commedia di Massimiliano Bruno, primo con 1.991.217 euro e 4.495 euro di media copia.

Mantiene la seconda posizione Aquaman (che proprio nel weekend ha superato il miliardo di dollari worldwide), con 1.835.877 euro e 8.841.624 euro complessivi, mentre Ralph Spacca Internet scende dal primo al terzo posto con 1.730.410 euro e 8.968.500 euro complessivi.

Guadagna una posizione Bohemian Rhapsody, invece, che sale dal quinto al quarto posto con 1.235.303 euro e supera i 25 milioni di euro totali, toccando i 751 milioni di dollari worldwide.

Anche Van Gogh – Sulla soglia dell’eternità sale dal sesto al quinto posto con 1.001.504 euro e porta a 2.596.746 euro gli introiti complessivi.

Entra invece in sesta posizione City of Lies con 724.556 euro, mentre La befana vien di notte scende dal terzo al settimo posto con 500.266 euro.

Perde quattro posizioni anche Moschettieri del Re, ora ottavo con 403.348 euro, mentre Attenti al gorilla di Luca Miniero esordisce al nono posto con 396.597 euro.

Chiude la top ten Vice – L’uomo nell’ombra, decimo con 377.427 euro.

Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, infine, le prime dieci posizioni fanno registrare una flessione pari al 14,30%.

 

Lascia una recensione

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy