Berlino 2020, due Orsi all’Italia

Elio Germano vince per Volevo nascondermi, a Favolacce la miglior sceneggiatura. Orso d'Oro all'iraniano There Is No Evil. Tutti i premi della 70esima Berlinale
Berlino 2020, due Orsi all’Italia
Volevo nascondermi - Foto Chico De Luigi

È stellato, stasera, il cielo sopra Berlino. Soprattutto per il cinema italiano, che torna a casa con due Orsi d’Argento dalla settantesima edizione della Berlinale.

Per la sua interpretazione di Antonio Ligabue in Volevo nascondermi di Giorgio Diritti, Elio Germano ha vinto il riconoscimento per il miglior attore. E i fratelli Fabio e Damiano D’Innocenzo sono stati premiati per la loro sceneggiatura di Favolacce.

Favolacce

A trionfare è There Is No Evil dell’iraniano Mohammad Rasoulof, perseguitato dal regime come molti altri suoi colleghi. Il regista non era presente a Berlino perché nel 2017 gli è stato ritirato il passaporto di ritorno dal Festival di Cannes, dove aveva vinto con A Man of Integrity nella sezione Un Certain Regard. Nel 2010 era stato condannato a sei anni di carcere per aver girato senza permesso (pena poi ridotta a un anno, che Rasoulof deve ancora scontare).

Qui tutti i premi assegnati dalla giuria presieduta da Jeremy Irons e composta da Bérénice Bejo, Bettina Brokemper, Annemarie Jacir, Kenneth Lonergan, Luca Marinelli e Kleber Mendonça Filho.

Orso d’Oro: Sheytan vojud nadarad (There Is No Evil) di Mohammad Rasoulof

Orso d’Argento Gran Premio della Giuria: Never Rarely Sometimes Always di Eliza Hittman

Orso d’Argento per la miglior regia: Hong Sang-soo per Domangchin yeoja (The Woman Who Ran)

Orso d’Argento per la miglior attrice: Paula Beer per Undine

Orso d’Argento per il miglior attore: Elio Germano per Volevo nascondermi

Orso d’Argento per la sceneggiatura: Fabio e Damiano D’Innocenzo per Favolacce

Orso d’Argento per il contributo artistico: Jürgen Jürges per la fotografia di DAU. Natasha

Orso d’Argento: Effacer l’historique (Delete History) di Benoît Delépine e Gustave Kervern

Baran Rasoulof in There Is No Evil | © Cosmopol Film

 

Qui i premi della sezione Encounters:

Miglior film: The Works and Days (of Tayoko Shiojiri in the Shiotani Basin) di C.W. Winter e Edström

Miglior regista: Cristi Puiu per Malmkrog

Premio speciale della Giuria: The Trouble With Being Born di Sandra Wollner

Menzione speciale: Matías Piñeiro per Isabella

Segnaliamo altri premi. Father di Srdan Golubović si aggiudica il Premio del Pubblico della sezione Panorama. Il Berlinale Documentary Award va a Irradiated di Rithy Pahn. Undine di Christian Petzold vince il Premio FIPRESCI tra i film in concorso. A There Is No Evil by Mohammad Rasoulof il Premio della Giuria Ecumenica.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy