Belli (di papà) pure al box office

Diego Abatantuono & Co. al top degli incassi, battono pure il cacciatore di streghe Vin Diesel. Si difendono bene le uscite d'essai (Mustang, La legge del mercato)
2 Novembre 2015
Business, In evidenza
Belli (di papà) pure al box office

I Belli di papà Diego Abatantuono conquistano il botteghino italiano. Al debutto in sala, la commedia firmata da Guido Chiesa incassa € 1.475.940, battendo persino il cacciatore di streghe Vin Diesel che, con The Last Witch Hunter, segue subito dopo (€ 1.351.362) grazie alla migliore media copia del weekend (€ 4.490).
Perdono posizioni Io che amo solo te (3°, € 892.485 ), Hotel Transylvania 2 (4°, € 741.725), Crimson Peak (5°, € 543.483) e Suburra (6°, € 468.662). Esordio al settimo posto per il family movie Ghosthunters – Gli acchiappafantasmi (€ 290.177). Chiudono la top ten Game Therapy (8°, € 271.974), Lo stagista inaspettato (9°, € 269.698) e Tutto può accadere a Broadway (10°, € 257.581): la commedia di Peter Bogdanovich, tra le new entry di giovedì scorso, ottiene una discreta media copia di 2.165, che è più o meno quella realizzata dai due “film d’essai” del weekend, Mustang (18°, € 133.964) e La legge del mercato (20°, € 93.784). Come a dire: il cinema d’autore soffre ma c’è.
Deludente invece le performance di Tutti pazzi in casa mia di Patrice Leconte: la commedia Filmauro non va oltre il 14° posto (€ 212.043), nonostante una robusta presenza in sala (265 schermi). Male anche Giotto, l’amico dei pinguini, 16° con € 187.060 e una media copia di 757 euro.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy