Asia non ci sta

La Argento accusa dal palco del Grand Théâtre Lumière: "Il festival era il terreno di caccia di Harvey Weinstein, tra voi in platea responsabili di abusi sulle donne"
Asia non ci sta

Salita sul palco del Grand Théâtre Lumière per premiare la migliore attrice (Samal Yeslyamova di Ayka), Asia Argento prende il microfono e accusa Harvey Weinstein, nonché lo stesso Festival di Cannes:

“Nel 1997 fui violentata da Harvey Weinstein qui a Cannes. Allora avevo 21 anni. Questo festival era il suo terreno di caccia. Voglio fare una previsione: Weinstein non sarà mai più il benvenuto. Vivrà in disgrazia, evitato dalla comunità cinematografica che una volta lo abbracciava e ne copriva i crimini. Anche questa sera, seduti tra di voi, ci sono responsabili ancora non individuati di comportamenti riprovevoli nei confronti delle donne. Voi sapete chi sono. Più importante, noi sappiamo chi siete. E non vi permetteremo più di farla franca”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy