Annette apre Cannes

Il primo film in lingua inglese di Léos Carax, interpretato da Marion Cotillard e Adam Driver, scelto per l'apertura della 74esima edizione del festival, che inizierà martedì 6 luglio
19 Aprile 2021
Festival, In evidenza
Annette apre Cannes
© CG Cinema International

Nove anni dopo l’incredibile Holy Motors presentato in concorso, Léos Carax presenterà a Cannes il suo nuovo film, il primo in inglese, atteso con impazienza dagli spettatori di tutto il mondo: Annette aprirà il 74° Festival Internazionale del Cinema martedì 6 luglio.

Annette, la cui trama è ambientata a Los Angeles, racconta la storia di Henry, un cabarettista con un umorismo feroce, e Ann, una cantante di fama internazionale. Sotto i riflettori, formano una coppia felice e affascinante. La nascita della loro prima figlia, Annette, una misteriosa ragazza con un destino eccezionale, stravolgerà le loro vite.

Prodotto da Charles Gillibert, il sesto lungometraggio del regista, basato su un’idea originale e musica degli Sparks, che riunisce Marion Cotillard, Adam Driver e Simon Helberg, sarà proiettato in anteprima mondiale e in concorso, dopo la cerimonia di apertura. che si terrà al Grand Théâtre Lumière al Palais des Festivals di Cannes. Uscirà contemporaneamente nei cinema francesi.

 

Visionario ed enigmatico, Leos Carax ha creato alcune delle scene più belle del cinema francese degli ultimi 35 anni, attraverso una filmografia che non ha mai smesso di mostrare la sua maestria nella regia. Genio poetico dalla fantasia traboccante, “l’enfant terrible del cinema francese” è abituato a ribaltare codici e generi per inventare un mondo popolato di visioni e fantasmi.

Quando aveva solo 24 anni, il suo lavoro è iniziato con una trilogia da cui scaturisce la bellezza urbana e notturna in una Parigi magica. Girato in bianco e nero, Boy Meets Girl (1984) è un omaggio al cinema muto, al mondo di Cocteau e ai film di Godard.

Rosso sangue (1986), elogio della velocità e dell’amore con Denis Lavant, Juliette Binoche e Michel Piccoli, Leos Carax impone il suo stile dalla pelle vivace e incontra il successo internazionale. Dominato da un universo estetico deciso e da un affermato lirismo, questo thriller espressionista costituisce un’esperienza visiva senza precedenti. Nel 1991, il regista ha intrapreso un progetto ambizioso, Gli amanti del Pont-Neuf: la ricostruzione totale di un quartiere parigino e le riprese di 3 anni del fiume conferiscono a quest’ode all’amore folle una statura leggendaria nel cinema francese.

Dopo 8 anni di silenzio, Pola X (1999) segna il ritorno di Carax in Concorso al Festival di Cannes. Dopo questo adattamento di Pierre o delle ambiguità di Melville, torna alla Croisette con Merde, un cortometraggio tratto da una fantasia collettiva in tre movimenti, Tokyo!, co-prodotto con Michel Gondry e Bong Joon-ho e presentato a Un Certain Regard nel 2008.

Infine, nel 2012, Leos Carax torna a gareggiare a Cannes con Holy Motors, una passeggiata che mette la magia nella realtà e la vita di tutti i giorni nel fantastico , in una nuova dichiarazione d’amore per il cinema, con Edith Scob, sfuggita a Faceless Eyes di Georges Franju.

“Ogni film di Leos Carax è un evento. E questo mantiene tutte le sue promesse! Annette è un regalo sperato dagli amanti del cinema, della musica e della cultura, coloro che ci mancano così tanto da un anno ”, afferma Pierre Lescure, Presidente del Festival di Cannes.

“Non avremmo potuto sognare un ricongiungimento migliore con il cinema e il grande schermo, in questo Palais des festivals dove i film vengono ad affermare il loro splendore, conclude Thierry Frémaux, Delegato Generale. Il cinema di Carax si basa su questi gesti potenti e queste misteriose alchimie che fanno il segreto della modernità e dell’eternità del cinema”.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy