Addio Bettie Page

E' morta a 85 anni la celebre pin-up. Musa dei fotografi, fu "la ragazza dal corpo perfetto"
12 Dicembre 2008
Addio Bettie Page
La pin-up Bettie Page

(Cinematografo.it/Adnkronos) – Bettie Page, regina delle pin-up americane, è morta la notte scorsa in un ospedale di Los Angeles. Aveva 85 anni. L’annuncio della scomparsa dell’attrice e modella è stato dato con un comunicato pubblicato sul sito internet ufficiale della Page. Tre settimane fa era stata ricoverata per una polmonite e martedì scorso era stata colpita da un attacco cardiaco.
La pelle levigata, gli occhi blu profondo, la chioma corvina, il sorriso innocente e l’aria di ragazza della porta accanto sono stati i suoi marchi di fabbrica e, allo stesso tempo, una combinazione fascinosa esplosiva, tanto da fare di lei una leggenda. Bettie Page, simpatica e capricciosa, timida e audace, semplice e sofisticata, è stata la musa ispiratrice di moltissimi fotografi degli anni ’50 e ’60.
Nata il 22 aprile 1923 a Nashville (Tennessee), in seguito al divorzio dei genitori, all’età di 10 anni e insieme alle sorelle Bettie Page viene affidata ad un orfanotrofio, dove rimase per circa un anno. Molto presto entra in una comunità assistita e lì impara a cucinare, leggere, scrivere e cucire, abilità questa che ritroverà in futuro come sua alleata. Durante gli anni del liceo si rivela validissima studentessa. Oltre alle molte soddisfazioni negli studi, Bettie è membro e direttore del circolo di teatro drammatico, tesoriere del circolo studentesco e co-editore del giornale e dell’annuario scolastico.Si iscrive al Peobody College con l’intenzione di diventare un’insegnante, ma nel contempo studia arte drammatica e sogna di diventare un’attrice del cinema. E’ in questo modo che trova anche il suo primo lavoro: battere il manoscritto dell’autore Alfred Leland Crabb. Si laurea in arte nel 1943, e nello stesso anno sposa Billy Neal con cui si trasferisce a San Francisco, dove trova il suo primo lavoro come modella per una pellicceria.
Negli anni seguenti, Bettie viaggia molto e lavora anche ad Haiti, innamorandosi di quella cultura. Divorzia da Billy nel 1947 e si trasferisce a New York, dove si mantenne lavorando come segretaria mentre cercava un lavoro come attrice. La svolta arriva nel 1950. Durante una passeggiata a Connie Island incontra Jerry Tibbs, un ufficiale di polizia con l’hobby della fotografia. Insieme producono il suo primo portfolio da pin-up. Tibbs è il suo razzo propulsore. Le presenta altri fotografi, tra cui Cass Carr. In pochi mesi la sua carriera di modella decolla. Posa per riviste come Wink, Eyefull, Titter e Beauty Parade, ma diventa una vera e propria star solo dopo le foto pubblicate di Robert Harrison.
Nel 1952, grazie alla sua apparizione su riviste a tiratura nazionale, Irving Klaw la cerca per il suo Movie Star News, unico e famosissimo catalogo di pin-up, con ambientazioni inerenti il bondage, il sadomaso o il fetish. E Bettie Page ne incarna il prototipo: abiti in gomma e pvc, in pelle nera lucida, tacchi e stivali con tacchi da capogiro, lingerie, corde, fruste e frustini. La dea della scena hot dell’epoca compare in oltre 2.000 fotografie e dozzine di cortometraggi.
Il 1955 è l’anno della consacrazione: vince il titolo di “Miss Pin-Up Girl of the World”, e nel gennaio dello stesso anno appare sulle pagine centrali di Playboy. Viene definita “La ragazza dal corpo perfetto” e le sue foto appaiono letteralmente dovunque, dalle copertine dei dischi alle carte da gioco.
Nel 1957, quando si trasferisce in Florida, Bettie è all’apice della carriera. Tuttavia, proprio in quel periodo, la campagna moralista del senatore Estes Kefauver costringe Irving Klaw a distruggere gran parte della sua produzione, additata come pornografica, e cita in giudizio anche la regina delle pin-up, stroncando la sua carriera come attrice e modella.Il 26 novembre 1958 si risposa con Armand Walterson, e lo stesso anno segna la scomparsa di Bettie dalla scena pubblica. I mass media, attirati dalla sua misteriosa eclisse, lanciano una campagna di ricerca. Artisti contemporanei come Olivia, Dave Stevens e Robert Blue immortalano il loro idolo in fantastiche opere d’arte. Negli anni seguenti la sua figura viene ripresa da importanti illustratori, erotici e non, che ne rilanciano l’immagine, mentre collezionisti pagano a peso d’oro le sue fotografie originali.
Nel 1963 divorzia da Armand Walterson. La stessa sorte toccherà anche al suo terzo marito, Harry Lear.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy