2 Grolle a Sorrentino

Le conseguenze dell'amore è il film italiano più visto e rappresentato all'estero. Premi anche per Banfi e Virzì
25 Marzo 2006
2 Grolle a Sorrentino
Il registaPaolo Sorrentino

Le conseguenze dell’amore è il più premiato alla 52a edizione delle Grolle d’Oro di Saint Vincent. Il film di Paolo Sorrentino si aggiudica i riconoscimenti per il titolo italiano più rappresentato ai festival internazionali e, insieme a Caterina va in città di Paolo Virzì, quello della pellicola più vista all’estero. I premi, nello spirito della manifestazione diretta da Beppe Attene, sono stati assegnati in base alle indicazioni di mercato emerse nel corso del 2005, che hanno inoltre incoronato Natale a Miami di Neri Parenti come il maggior successo italiano in sala, Manuale d’amore di Giovanni Veronesi come quello più noleggiato in homevideo e All the Invisible Children come il più venduto sul mercato internazionale. Straordinario il successo ottenuto da Tre metri sopra il cielo: il film di Luca Lucini, che si impone come miglior incasso in dvd, balza al 51° posto della classifica generale delle vendite, rispetto al 110° ottenuto dal primo italiano dello scorso anno. Nel corso della serata di premiazione, condotta da Barbara D’Urso, un premio speciale è stato assegnato anche a Matt Dillon, da poco candidato all’Oscar per Crash, che a Saint Vincent ha presentato il suo prossimo Factotum, in sala dal 31 marzo. Ricchissimo il parterre degli ospiti intervenuti alla manifestazione, dai registi Neri Parenti, Alessandro D’Alatri, Eros Puglielli e Paolo Sorrentino, agli attori Anna Falchi, Christian De Sica, Lino Banfi, Massimo Ghini, Eleonora Giorgi, Nancy Brilli ed Enrico Lo Verso.
Lino Banfi, premiato con la Grolla d’Oro per il successo di Vieni avanti cretino tra i classici in dvd, ha strappato risate e applausi raccontando di un cardinale, che ha scaricato sul cellulare un colorito spezzone del film. Giovanni Veronesi, accompagnato da Valeria Solarino, ha scherzato e annunciato per luglio il primo ciak del nuovo capitolo di Manuale d’amore, atteso in sala per il prossimo 20 gennaio: “Ci sono talmente tanti temi da trattare – ha detto – che adesso ne farò dieci come Kieslowski”. Divertente botta e risposta anche dalla nutrita rappresentanza di Natale a Miami. Neri Parenti, abbracciato e ringraziato dal regista di Notte prima degli esami Fausto Brizzi per la “lezione di cinema popolare”, non si sbilancia sul prossimo film di Natale: “Posso soltanto anticipare che non stiamo cercando un sostituto a Boldi. Si tratterà di una storia più corale in cui spero che tornerà anche Massimo Ghini”. Lui ringrazia regista e manifestazione, scherzando sulla sua palma di attore meno premiato d’Italia.
Altri riconoscimenti sono poi a Mai + come prima di Giacomo Campiotti, premiato per l’innovazione, a L’uomo perfetto di Luca Lucini per l’abile product placement del marchio Coca Cola Light e a Quo Vadis Baby? di Gabriele Salvatores, come miglior titolo selezionato dagli ascoltatori di Play Radio. Nell’ambito del gemellaggio con la Francia, Oliver Twist di Roman Polanski e Due fratelli di Jean-Jacques Annaud sono andati i riconoscimenti per i titoli francesi, rispettivamente, più visti in sala e più venduti in homevideo in Italia, mentre una Coppa dell’Amicizia è stata assegnata al direttore del Festival di Annecy Pierre Todeschini. Una serie di tavole rotonde condotte da Luca Celata, docente di Economia della Comunicazione alla Sapienza di Roma, e dal giornalista Maurizio Di Rienzo hanno infine messo a confronto gli operatori del settore sui temi del product placement e del rapporto fra operatori telefonici e industria cinematografica.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy