Il Caimano

Bruno Bonomo, un produttore di film horror dai titoli improponibili ("Mocassini assassini", "Maciste contro Freud") da più di dieci anni non riesce più a dirigere un film e sopravvive con le televendite girate nei suoi studi di posa. Il suo rapporto con la moglie, indimenticata protagonista di "Cataratte", il suo ultimo film, è in crisi ma lui non riesce ad accettare l'idea di separarsi né da lei né, ancor meno, dai due amatissimi figli di 7 e 9 anni. Invitato in un cineclub per la proiezione di "Cataratte", riceve da Teresa, una regista di ventiquattro anni, che ha girato solo due corti, una sceneggiatura da leggere. Quando Bonomo capisce di non poter più produrre con l'aiuto della Rai un film su Cristoforo Colombo perché il regista di nome - ma ormai fuori giro - da lui recuperato, è stato contattato da Aurelio De Laurentiis, telefona alla giovane regista dopo una lettura 'trasversale' del copione che gli sembra buono. Si reca con lei all'incontro con un dirigente Rai senza essersi reso conto che si tratta di un film su Berlusconi. Dopo il rifiuto della Rai, si offre di aiutarlo un importante produttore polacco che, anche se molto critico verso il nostro paese, desidera lavorare con il famoso attore Marco Pulci. Per l'inizio delle riprese vengono allestiti vari set ma, quando Pulci - dopo aver accettato - rinuncia, con una scusa, ad interpretare lo scomodo ruolo, Bonomo vede crollare i suoi sogni. In contemporanea alle difficoltà della vita privata e professionale del produttore, assistiamo alle diverse incarnazioni di un moderno predatore, il Caimano, appunto, che come costruttore e poi imprenditore televisivo è impersonato da un suo sosia. Divenuto Presidente del Consiglio, lo vediamo nelle immagini di repertorio durante il discorso al Parlamento Europeo. In tribunale, infine, durante il processo in cui viene condannato a sette anni, è interpretato da Nanni Moretti.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy