Zack & Miri - Amore a... primo sesso

Zack and Miri Make a Porno

USA - 2008
3/5
Zack & Miri - Amore a... primo sesso
Zack e Miri, coinquilini e amici sin dai tempi della scuola, per fare un po' di soldi extra per pagare i debiti e le bollette decidono di realizzare con l'aiuto di alcuni amici un film porno artigianale. Iniziano quindi le varie fasi di preparazione del film - compresi improbabili casting a surreali protagonisti - ma dal momento delle riprese, quello che era partito come un semplice stratagemma finanziario si trasformerà per i due amici in qualcosa di inaspettato...
  • Altri titoli:
    Zack e Miri - Amore a... primo sesso
  • Durata: 101'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: ARRICAM LT/ARRICAM ST, SUPER 35 (3-PERF) STAMPATO A 35 MM (1:1.85) - TECHNICOLOR
  • Produzione: BLUE ASKEW, VIEW ASKEW
  • Distribuzione: M2 PICTURES
  • Vietato 14
  • Data uscita 1 Giugno 2011

TRAILER

RECENSIONE

di Manuela Pinetti

Mentre tutti (o quasi) i loro coetanei mettono su famiglia e/o hanno un lavoro per lo più dignitoso, i trentenni coinquilini Zack (Seth Rogen) e Miri (Elizabeth Banks), amici-soltanto-amici fin dalla prima elementare, vivacchiano con impieghi mal pagati e sono sempre sull’orlo della bancarotta domestica. Quando le bollette da pagare diventano troppe l’unica soluzione percorribile è ovviamente la più folle: girare un film porno insieme. E, quindi, diventare ricchi.
Zack e Miri è soprattutto la più tradizionale (e divertente) delle rom-com, in cui i sentimenti sono un valore prezioso e il nemico maggiore è ancora una volta, guarda un po’, la paura di amare. Naturalmente gli ingredienti scelti da Kevin Smith trascendono dagli schemi del genere, ma gli exploit volgari (facilmente intuibili, vista la trama) e l’annesso turpiloquio sono compensati (si fa per dire) da un inaspettato bigottismo, che pone paletti ben precisi su cosa sia “perverso” e cosa invece “lecito”.
Quasi impossibile non scomodare l’inevitabile, ingombrante paragone cinematografico con molte commedie anni’80, soprattutto Harry, ti presento Sally, con cui condivide lo spinosissimo campo tematico che gira intorno all’amicizia uomo-donna, l’amore e il sesso.

CRITICA

"'Zack and Miri Make a Porno', recita il titolo originale: sì, lo fanno, ma non lasciatevi ingannare. È la solita romantic comedy, solo molto più volgare e un po' più a nudo, con un ex genietto alla regia, Kevin 'Clerks' Smith, e uno Zack, Seth Rogen, da antologia. (...) Nel cast anche Traci Lords, che di porno se ne intende davvero, e nel copione qualche scorrettezza politica. Vorrebbe essere un 'Harry, ti presento Sally 2.0', ma l'amore ai tempi della P (precarietà e porno) diventa quello ai tempi della B: buonista e bigotto. E, dietro la patina trasgressiva, reazionario: d'altronde, non è così anche il porno?" (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 2 giugno 2011)

"Tra i titoli peggiori dell'anno, ma il film è ancor peggio. La storia di un ragazzo e una ragazza amici dalla scuola, conviventi senza un soldo e costretti a girare un porno per pagare la luce e dichiararsi l'amore, è stentata, prevedibile e di macroscopica, inutile, molesta volgarità. Kevin Smith conferma dopo 'Clerks' il fallimento d'autore con una commedia finta oltraggiosa dal cuore romantico al cui confronto 'American Pie' sembra Billy Wilder." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 3 giugno 2011)

"Amici per la pelle, ma sono maschio e femmina, così qualcosa deve accadere... Non s'innamorano. Decidono di diventare protagonisti di un film porno per pagare affitto, debiti e il resto del loro ménage. Forse Kevin Smith, promessa non proprio mantenuta della commedia 'indie' dopo l'exploit di 'Clerks', puntava sulla candida asessualità dei protagonisti per antifrasi. Tra Seth Rosen, maldestro e grassoccio bravo ragazzo riccioli e occhiali, volto della commedia giovanile dei 2000, e l'acqua e sapone Elizabeth Banks ('40 anni vergine'), non si sente un incendio di potenziale sessualità anche quando il gioco per la sopravvivenza vira inevitabilmente verso un rapporto di coppia. Insomma, ci si crede poco, sia in un caso che nell'altro, mentre si attraversa una galleria di luoghi comuni sull'eros e il vero amore." (Silvio Danse, 'Giorno-Carlino-Nazione', 3 giugno 2011)

"Kevin Smith è sempre stato molto bravo a raccontare le 'barzellette sporche'. E 'Zack & Miri. Amore a... primo sesso' è probabilmente il suo film più divertente. (...) Certo, la trovata è poco plausibile, ma dopo un inizio zoppicante la pellicola comincia a ingranare. (...)ha una trama che, anche se a tratti è un po' scontata, funziona. Ma il suo merito più grande è raccontare la storia senza temere di essere sexy e sfacciata. L'effetto è rinfrescante." ('Internazionale', 3 giugno 2011)
"Piacerà non solo agli ammiratori di Kevin Smith, il regista di commedie più "off' di Hollywood. 'Zach e Miri' è maligno, pieno di trovate e fa scoprire nella bella Elizabeth Banks un inopinato talento di commediante." (Giorgio Carbone, 'Libero', 3 giugno 2011)

"Compilation di doppi sensi e allusioni sessuali che arriva da noi con tre anni di distanza; francamente, non si sentiva il bisogno di rompere questo digiuno." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 3 giugno 2011)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy