VOGLIO TORNARE A CASA!

JE VEUX RENTRER A LA MAISON

FRANCIA - 1989
VOGLIO TORNARE A CASA!
Invitato dagli organizzatori di una grande Mostra di fumetti, arriva a Parigi l'anziano Joey Welman, uno dei più reputati cartoonisti americani, insieme alla compagna e collaboratrice Lena Apthrop. Bizzoso e testardo per carattere, Welman, che non si è mai allontanato dalla sua Cleveland, non sa nulla della Francia, non ne parla la lingua, non sa calcolare gli spiccioli e non capisce niente della cucina locale. E' venuto a Parigi per sua figlia Elsie, lontana da due anni, che deve laurearsi alla Sorbona e che è, all'opposto, fanatica della cultura e della vita francese. Joey simpatizza subito con il professor Christian Gauthier, un entusiasta dei "comic", si intrattiene con lui alla Mostra e ne diventa ospite gradito nella splendida villa della madre Isabelle. Qui viene raggiunto da Elsie della quale Gauthier è il docente della sua tesi su Flaubert. Durante una piccola festa mascherata nella villa (e qui Lena ha una avventura con Gauthier), Joey s'innamora di Isabelle e i suoi pregiudizi sulla cultura e la vita francese cominciano a vacillare e, il che più importa, i suoi rapporti con la figlia migliorano. Elsie torna in America dove è nata e già in aereo fa pace con Lena, con la quale non si era mai molto capita, mentre Joey resta in Francia, dove l'elegante e paziente Isabelle lo affascina e con affetto paziente potrà piano piano insegnargli la sua lingua.
  • Altri titoli:
    I WANT TO GO HOME
  • Durata: 117'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA A COLORI
  • Produzione: HK2 PRODUCTIONS FILMS A2 - LA SEPT/SOFICA INVESTIMAGE/SOFICA SOFINERGIE/SOFIMA/CENTRE NATIONAL DE LA CINEMATOGRAFIE
  • Distribuzione: ACADEMY (1989) - DOMOVIDEO.

NOTE

- LA DURATA DELL'EDIZIONE VIDEO E' DI 90'.

- LO SCENEGGIATORE DEL FILM E' IL CELEBRE DISEGNATORE POLITICO-SATIRICO JULES FEIFFER.

- IL FILM HA VINTO IL "CIAK D'ORO" ALLA MOSTRA INTERNAZIONALE DEL CINEMA A VENEZIA ED E' STATO SEGNALATO CON UNA OSELLA PER LA SCENEGGIATURA.

CRITICA

Alain Resnais ha diretto questo film, che sbanda fra notevoli schioccherie fino a sfiorare il clima pochadistico. (Segnalazioni Cinematografiche)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy