VENTO DELL'EST

VENT D'EST

ITALIA, GERMANIA, FRANCIA - 1969
Mentre sullo schermo appaiono, occupati in azioni senza senso, un pellerossa, simbolo del Terzo Mondo, un ufficiale nordista, incarnazione dell'imperialismo americano e, di quando in quando, gli stessi interpreti del film, intenti - in riunioni collettive - a costruire il medesimo, discutendo l'impostazione delle varie scene, alcune voci fuori campo attaccano, con citazioni di Mao, Lenin e Stalin il revisionismo dell'Unione Sovietica e dei comunisti occidentali, la borghesia, l'autogestione jugoslava, i sindacati, il cinema sovietico, la coesistenza pacifica ecc. Il tutto si conclude con un appello alla rivoluzione.

CAST

NOTE

- SUONO: ANTONIO VENTURA, CARLO DIOTALLEVI -

- AIUTO-REGIA: ISABELLE PONS, GIANNI AMICO

- COLLABORAZIONE ALLA REGIA : GRUPPO DZIGA VERTOV (J.P. GORIN, G. MARTIN)

- DIALOGHI IN "CAHIERS DU CINEMA" N. 240 1972 NON RISULTA ISCRITTO AL P.R.C.

- PRESENTATO AL XXII FESTIVAL DI CANNES (1970).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy