Veleni

ITALIA - 2017
Veleni
1951. Un piccolo paesino dell'Italia meridionale popolato da sole donne. Antonio, professore di lettere presso un collegio di Gesuiti, torna nel suo paese per assistere al funerale di suo padre, il dottor Bonadies, medico condotto e psichiatra del villaggio, morto il giorno prima in circostanze misteriose. Il professore è deciso a conoscere le ombre che incombono sul passato di suo padre e sfida l'atmosfera surreale di cui la madre e la zia si circondano nella loro vita.
  • Durata: 93'
  • Colore: C
  • Genere: NOIR
  • Produzione: VISIONI SEGRETE, MARTA FILM
  • Distribuzione: DRAKA DISTRIBUTION
  • Data uscita 19 Ottobre 2017

TRAILER

NOTE

- REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DEL PARCO DEL CILENTO, VALLO DI DIANO E ALBURNI.

CRITICA

"Il tono grottesco s'alterna a quello noir sia nel soggetto originale di Augusto Caminito, sia nell'intrigante sceneggiatura di Ruggero Cappuccio e Nadia Baldi da cui nasce il film diretto con piglio disinvolto da quest'ultima. (...) Il senso di un film imperfetto a causa del basso budget eppure vitale lo si può trovare (...) nell'evidente piacere e giustificato stimolo provati da una regista formatasi soprattutto a livello teatrale nel misurarsi con atmosfere sospese tra il verismo e il surrealismo cinematografico facendo in modo che il filo conduttore, pour cause, allucinogeno possa avvicendarsi con i siparietti dei personaggi buffi, marginali o stravaganti che rappresentano, peraltro, per noi il versante del film più manieristico. Sul piano specifico del genere, in effetti, potremmo accostare questo film all'epoca d'oro del giallo-horror all'italiana e, in particolare, al periodo cosiddetto gotico di Pupi Avati e due suoi titoli di alterno valore ma ricchi di suggestione come «La casa dalle finestre che ridono» e «L'arcano incantatore»: il primo per i rapporti vissuti dal giovane restauratore protagonista con una comunità chiusa, ostile e tenuta in ostaggio da orribili verità e il secondo per la figura del personaggio detentore dei misteri ossia il prete asserragliato nella sua biblioteca-mondo. Se gli scorci ambientali risultano adeguatamente serviti dalla fotografia e la scenografia e la colonna sonora sperimenta un'ardita eterogeneità che fa la spola tra «Il barbiere di Siviglia» e «Amado mio», il livello delle recitazioni ancorché non del tutto omogeneo offre adeguato risalto alle protagoniste femminili D'Aquino e Martire e maschile Forges Davanzati nonché al coro omertoso/morboso impreziosito, tra i tanti, dai cammei del grande Herlitzka, Beppe Mannajuolo, Annie Pempinello, la stessa Baldi e Rossella Pugliese." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 19 ottobre 2017)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy