Una voce per gridare

Light It Up

USA - 1999
Una voce per gridare
TRAMA BREVE
In un trascurato liceo del quartiere Queens di New York, un professore molto amato dai ragazzi viene licenziato. Improvvisamente sei studenti che nulla hanno a che vedere l'uno con l'altro si barricano nella scuola per difendere il loro diritto a ricevere una giusta istruzione. Un ufficiale di polizia preso in ostaggio mette a rischio la sua vita per aiutarli.

TRAMA LUNGA

Nel Queens, tra i quartieri più degradati di New York, c'è la Lincoln High School, altrettanto adeguata al livello disordinato della zona. Per aver portato la classe fuori dall'edificio, il prof. Knowles viene redarguito e sospeso dall'incarico. I ragazzi, molto attaccati all'insegnante, non accettano la punizione e dichiarano l'occupazione della scuola. A guidare le operazioni c'è Lester, noto anche per la sua bravura nella squadra di basket. Vista inutile ogni approccio, viene chiamata la polizia. Qui è l'agente Jackson a condurre le trattative. Ma Lester non sente ragioni, e inveisce dicendo che vuole riavere il padre, ucciso tempo prima dai poliziotti. Jackson ha moglie e figlio scomparsi. Mentre fuori la folla e le televisioni si accalcano, la polizia decide di fare un bliz. In un flashback Lester ricorda la morte del padre, ucciso dalla polizia quando era sofferente di asma, e lui era rimasto a guardare. Il blitz rimette le cose a posto. Alcuni finiscono in carcere, altri sono arruolati nell'esercito.
  • Altri titoli:
    Generación perdida
  • Durata: 99'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: (1:1.85)
  • Produzione: TRACEY E. EDMONDS PER EDMONDS ENTERTAINMENT GROUP (EEG), FOX 2000 PICTURES
  • Distribuzione: 20TH CENTURY FOX

CRITICA

"Il regista Craig Bolotin cerca di far spettacolo nella convenzione del rock & spot, dimenticando che gli attori possono aver bisogno di indicazioni e direzione. Il capoccia dei ribelli è una scoperta recente della musica newyorkese, Usher Raymond, che non sa tenere la cinepresa. In un ruolo anche il soul man Babyface. Fiacco e sudaticcio revival hard del "Breakfast Club". (Silvio Danese, 'Il Giorno', 1 luglio 2000)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy