Una vita violenta

ITALIA - 1962
Una vita violenta
Tommaso, un giovane di borgata, conduce una vita scioperata. Un giorno conosce Irene e se ne innamora. Per far colpo su di lei organizza con gli amici una serenata. Ne nasce una rissa durante la quale egli ferisce un uomo con il coltello. Arrestato, sconta alcuni mesi di carcere. Uscito di prigione, si ammala di tisi e viene ricoverato in sanatorio, dove conosce un agitatore sindacale comunista, che per la prima volta lo tratta da uomo. Uscito dal sanatorio decide di sistemarsi e sposarsi. Un giorno si getta nelle fredde acque dell'Aniene per salvare una donna, ma il gesto provoca una ricaduta della sua malattia che lo conduce alla morte.
  • Durata: 107'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO, SOCIALE
  • Specifiche tecniche: VISTAVISION, 35 MM
  • Tratto da: romanzo omonimo (1959) di Pier Paolo Pasolini
  • Produzione: MORIS ERGAS PER ZEBRA FILM (ROMA), AERA FILM (PARIGI)
  • Distribuzione: VARIETY FILM
  • Riedizione 1996

NOTE

- PRESENTATA ALLA 65. MOSTRA DI VENEZIA (2008) NELLA RETROSPETTIVA "QUESTI FANTASMI: CINEMA ITALIANO RITROVATO (1946-1975)" LA COPIA DELLA CINETECA NAZIONALE.

CRITICA

"Se non fosse stato preceduto da 'Accattone' questo film ci avrebbe interessato soprattutto per la novità di aver portato sullo schermo il mondo di Pasolini. (...) Il film (...) non riesce ad evitare l'impressione di una cosa arrivata in ritardo. (...) Un'altra considerazione (...) è che questo genere di storie romanesche parlate con quel linguaggio turgido e greve (...) se non sono toccate dalla mano di un poeta, rivelano subito la loro inutile grevezza." (Ercole Patti, 'Il Tempo', 14 aprile 1962)

"Liberato da molti episodi marginali nonché dal linguaggio pesante e scurrile. ridotta quindi la trama alla semplice storia di un giovane, il film ha acquistato, nei confronti del libro, in incisività e suggestione. Lo stile quasi documentaristico con cui è raccontata la storia, il lasciar parlare più i fatti che i personaggi, consentono un ritmo sostenuto ed avvincente con qualche sequenza stilisticamente riuscita. Vanno rilevate tuttavia uno scarso approfondimento logico dei personaggi e frequenti incongruenze e forzature polemiche invero non molto convincenti. Onesta l'interpretazione, efficace il commento musicale." ('Segnalazioni cinematografiche,' vol. 51, 1962)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy