Una spina nel cuore

ITALIA - 1986
Siamo in un paesino sul lago d'Orta dove la gente si conosce tutta: Guido è un giovanotto senza alcuna voglia di lavorare che passa l'intera giornata nell'albergo locale al tavolo da poker e riesce a vincere discrete somme con molta fortuna. Un giorno alla stazione conosce Caterina, una bella ragazza che sembra non volergli dare confidenza. Guido se ne innamora e lei, dopo qualche indugio, accetta la corte di lui. Inizia la loro storia d'amore tra alti e bassi: la ragazza a volte assume atteggiamenti misteriosi. Ci sono molte ombre sul suo passato; Guido vuol saperne di più, è assalito da troppi dubbi. Caterina alla fine decide di lasciarlo e fugge: il giovane è disperato, non si dà pace e la cerca ovunque. Scopre così che Caterina è stata l'amante di Dionisotti, un signorotto del luogo; del medico del paese dottor Trigona che l'ha irretita fin da bambina e che l'ha tenuta legata a sé con droghe leggere; che è stata amica di Teresita una ragazza senza alcuno scrupolo o inibizione; che è stata infine coinvolta dalla levatrice del paese in giochi perversi ed equivoci. Viene a sapere poi che Caterina, dopo tante peripezie, ha deciso di sposare Tibiletti, un giovane garzone di macellaio sfregiato al viso in seguito ad un incidente di moto, che sembra amarla davvero nonostante il suo passato. Guido vorrebbe riconquistare Caterina ma riesce solo a liberarla dai fantasmi del suo passato costellato di vari uomini che l'hanno sfruttata ed umiliata. Alla fine lei sposa Tibiletti ma il loro sogno dura pochissimo poiché hanno un pauroso incidente con la moto e muoiono entrambi nel lago. A Guido non resta altro che ricordare Caterina felice con lui sia pur per breve tempo.
  • Durata: 89'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICO EASTMANCOLOR, PELLICOLA KODAK
  • Tratto da: romanzo omonimo di Piero Chiara
  • Produzione: ACHILLE MANZOTTI PER FASO FILM (ROMA), PRODUCTEURS ASSOCIES (PARIS)
  • Distribuzione: TITANUS - AVO FILM, RICORDI VIDEO, BMG VIDEO

CRITICA

" 'Una spina nel cuore' è un fumettaccio vecchio stile; pur conoscendo la mediocrità dell'ambiente mercantile pornografico,è difficile capire come si sia potuto imbastire un prodotto del genere. (...) 'Guendalina', 'Dolci inganni', 'Le farò da padre': prodotti commerciali quanto si voglia ma intelligentemente legati al tempo storico." ( "Cinema Società" di G. Trentin, maggio 1986)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy