UNA SERA C'INCONTRAMMO

ITALIA - 1975
UNA SERA C'INCONTRAMMO
Odeon Prandoni, pendolare Melzo-Milano va a sbattere (e come poteva non succedere?) contro una ragazza tanto grassa quanto ricca (è plurimiliardaria e unica erede), Minnie Bennet il cui papà ha comprato in Italia sette o otto fabbriche. Il cetaceo vestito da donna, in preda a solitudine, capricci e appetiti, fa una corte soffocante al pendolare (lo chiama Pendy) e vuole sposarlo. Odeon, cui pesa l'essere deriso perché povero manovale e inetto nel calcio, si ribella ancor più decisamente ad apparire un arrampicatore sociale così come si ribellerà a Rosa, l'impiegata ambiziosa e facile che lascia il dirigente per circuire lui con l'aiuto della madre dopo che una canzone interpretata alla televisione proprio da Minnie lo ha reso celebre e quasi ricco. Ma la tenacia della grassona ha il sopravvento: Odeon viene sposato e poi abbandonato con un bambinone il cui appetito, con conseguente rumorosa digestione, confermano trattarsi del degno figlio di cotanta madre.
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, GROTTESCO
  • Specifiche tecniche: PANORAMICA TECHNICOLOR
  • Tratto da: ROMANZO "AMARE SIGNIFICA..." DI ITALO TERZOLI E ENRICO VAIME
  • Produzione: LEO PESCAROLO PER SUPERNOVA
  • Distribuzione: EURO
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy