UNA NOTTE PER DECIDERE

UP AT THE VILLA

USA - 1999
UNA NOTTE PER DECIDERE
A Firenze nel 1938 risiede ancora una nutrita comunità angloamericana. Mary Panton, affascinante inglese rimasta vedova e senza soldi, vive in una grande villa in collina grazie alla generosità degli amici. Sir Edgar Swift, più vecchio di 25 anni e in procinto di essere nominato governatore del Bengala, le chiede di sposarlo. Mary, che non è innamorata ma molto tentata, prende tempo, qualche giorno prima di dare una risposta. Durante una cena organizzata dalla principessa San Ferdinando, Mary incontra Rowley Flint, un americano sposato in patria e conosciuto come grande playboy. Alla stessa festa è presente anche Beppino Leopardi, gerarca del fascio cittadino a sua volta attratto dalla bella vedova. Nella notte Mary si scontra casualmente con Karl, giovane rifugiato austriaco ricercato dalla polizia, lo fa entrare in casa, ha un rapporto con lui e subito dopo lo invita ad allontanarsi. Quando ritorna, e lei lo respinge, Karl si uccide nella camera da letto. Spaventata, Mary si fa aiutare da Rowley. Questi a sua volta le dice che accettare un matrimonio senza amore con sir Edgar sarebbe un grave errore e che loro due insieme potrebbe raggiungere la felicità. Giorni dopo Rowley viene arrestato come sospetto per la morte di Karl. Allora Mary va da Leopardi, lo ricatta con alcuni documenti che provano il suo coinvolgimento in truffe, e Rowley viene liberato. I due si baciano e si lasciano. Torna da Roma sir Edgar e Mary le racconta tutto quello che è accaduto. Poi aggiunge che non l'ama e che ha deciso di rifiutare la proposta. A questo punto a Mary non resta altro da fare che tornare in Inghilterra. Alla stazione, sul treno, incontra Rowley in partenza per Parigi. I due faranno il viaggio insieme.
  • Durata: 115'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Tratto da: TRATTO DAL ROMANZO DI W. SOMERSET MAUGHAM
  • Produzione: GEOFF STIER
  • Distribuzione: MEDUSA FILM (2000) - MEDUSA VIDEO

CRITICA

"Eleganza e cinismo, bons mots, magioni fastose, principesse. E le eterne italiche tangenti. Dopo aver adattato Ausster e la Byatt, l'inglese Haas fa di un bel romanzo di Somerset Maugham ('Alla villa') un fotoromanzo di lusso. Se questi sono gli emuli di Ivory, ridateci l'originale". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 26 maggio 2000)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy