Una notte da dottore

ITALIA - 2021
3,5/5
Una notte da dottore
Pierfrancesco Mai, 65 anni, è un dottore che lavora come guardia medica notturna. Ed è anche un uomo pieno di acciacchi, burbero e per nulla empatico con i pazienti. Una notte ha un fortuito incidente con Mario, un rider trentenne che consegna cibo a domicilio. Mario non si fa nulla, ma la sua bici è distrutta. A causa dell'impatto, Pierfrancesco vede, invece, riacutizzarsi la sua perenne sciatalgia e non può più guidare. I due rischiano di perdere il lavoro, ma al dottore viene un'idea che salva entrambi: Mario, "guidato" a distanza da Pierfrancesco tramite un auricolare, andrà a fare le visite al posto suo e con l'auto del medico faranno anche le consegne a domicilio. Dopo una serie di rocambolesche (dis)avventure i due impareranno a sostenersi a vicenda e la notte volgerà al termine cambiando in meglio le loro vite.
  • Altri titoli:
    "Dica 33!"
    Buonanotte Dottore
  • Durata: 85'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: MAURIZIO TOTTI, ALESSANDRO USAI PER COLORADO FILM, IN COLLABORAZIONE CON MEDUSA FILM
  • Distribuzione: MEDUSA FILM
  • Data uscita 28 Ottobre 2021

TRAILER

RECENSIONE

di Giulia Lucchini

Talvolta i remake sono meglio degli originali. È il caso di Una notte da dottore che è chiaramente il rifacimento della (comunque carina) commedia francese di Tristan Séguéla (Chiamate un dottore!) uscita lo scorso anno.

Presentato ad Alice nella città, il nuovo film di Guido Chiesa (Cambio tutto!Ti presento SofiaClasse Z e tanti altri) vede protagonisti Diego Abatantuono, nei panni di Pierfrancesco Mai, guardia medica notturna, e Frank Matano, in quelli di Mario, un rider trentenne che consegna cibo a domicilio.

Per una serie di strane coincidenze i due si scambieranno le identità e il medico notturno si farà sostituire dal fattorino di cibo giapponese. La comicità, si sa, spesso viene fuori accostando gli opposti e qui abbondano. I due non potrebbero essere più antitetici.

Pieno di acciacchi, burbero, disilluso, cinico e a un passo dalla radiazione il primo; viceversa scattante, empatico, simpatico, generoso e semplice il secondo. Le differenze con l’antecedente sicuramente non mancano: la critica sociale (nel francese sulla scia dell’ultimo film-denuncia sui nuovi schiavi di Uber di Ken Loach Sorry We Missed You) qui è meno forte, e l’ambientazione ovviamente è differente, non una Parigi natalizia, ma una Roma deserta (il film è stato girato durante la pandemia). L’inedita coppia Abatantuono- Matano, nata in una trattoria romana tra code alla vaccinara e fagioli con le cotiche, è davvero esilarante, ancor più di quella d’oltralpe composta da Michel Hakim e Blanc Jemil, che comunque funzionava alla grande.

Il risultato è una commedia nella quale si ride, si riflette e ci si commuove persino un po’ . Empatica, proprio come il rider che, con i suoi modi buffi e simpatici, con i suoi sorrisi e le sue battute, varca la soglia di qualsiasi porta e soprattutto, pur non sapendo usare lo stetoscopio, raggiunge il cuore di qualsiasi paziente. E quello degli spettatori.

NOTE

- PROIEZIONE SPECIALE ALLA XIX EDIZIONE DI ALICE NELLA CITTÀ (2021) SEZIONE AUTONOMA E PARALLELA DELLA "FESTA DEL CINEMA DI ROMA", NELLA SEZIONE 'PANORAMA ITALIA'.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy