Un valzer tra gli scaffali

In den Gängen

GERMANIA - 2018
Christian inizia a lavorare come impilatore in un supermercato e si ritrova in un nuovo mondo sconosciuto: le corsie infinite, l'ordine eterno dei magazzini, i meccanicismi surreali dei carrelli elevatori. Il suo collega Bruno, del reparto bevande, lo prende sotto la sua ala mostrandogli tutti i trucchi del mestiere e diventa presto un amico paterno. A Marion del reparto pasticceria piace far ridere e scherza con Christian. Quando lui si innamora di lei l'intero magazzino fa il tifo. Ma Marion è sposata, sebbene sia infelice. Quando all'improvviso lei va in congedo per malattia. Christian cade in un buco profondo, così profondo in realtà, che la sua miserabile vecchia vita minaccia di inghiottirlo ancora una volta.

CAST

NOTE

- PREMIO DELLA GIURIA ECUMENICA (CONCORSO) E PREMIO GUILD FILM AL 68. FESTIVAL DI BERLINO (2018).

CRITICA

"(...) Solitudine, silenzi, piccoli gesti di solidarietà, umanità e poesia, racchiusi in un film originale (quasi tutto ambientato nei corridoi del magazzino), alla Kaurismaki. Un amore platonico a cavallo del muletto, consigliato solo ai palati fini." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 14 febbraio 2019)

"Molto amato dal pubblico della Berlinale 2018, dove ha vinto il premio della Giuria Ecumenica, 'Un valzer tra gli scaffali' è un film che non somiglia a nessun altro; salvo, forse, ad alcuni di Aki Kaurismaki. (...) Adattato da un breve racconto, il film del tedesco Thomas Stuber è una commedia romantica che non ambisce a rivelarti la poesia rassegnata delle piccole cose quotidiane. Un'operina dal sapore dolceamaro, dove puoi trovare tenerezza ma anche malinconia, temperata alla fine da un po' di ottimismo della volontà." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 14 febbraio 2019)

"Un grande supermercato situato in uno snodo autostradale dell'ex Germania dell'Est che, nella trasfigurazione poetica di Thomas Stuber, diventa per chi vi lavora una sorta rifugio esistenziale. Assorbiti nell'attività zen di riordinare gli scaffali, i custodi di quel tempio dei consumi si aggirano nottetempo per i reparti come in una dimensione parallela intrecciando fra loro ineffabili rapporti. (...) Stuber cadenza sul ritmo intermittente dei cuori un valzer intriso di tenero umorismo e profonda malinconia." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 14 febbraio 2019)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy