Un uomo, una città

ITALIA - 1974
Michele Parrino, capo della Mobile di Torino, è un funzionario coscienzioso e democratico che tratta fraternamente i sottoposti, non si intimidisce di fronte al pericolo, lascia correre i piccoli delitti e si interessa umanamente ai problemi di tutti quelli con cui si trova a interagire. Incoraggiato dalla fidanzata Anna e seguito dall'ombra fedele dell'anziano giornalista Paolo Ferrero, il commissario siculo-torinese inizia a investigare sull'assassinio della studentessa sedicenne Grazia Aliprandi e sulla scomparsa di Giorgio Cournier. Le indagini lo portano a un grosso traffico di droga e a un importante giro di prostituzione. Quando però il commissario inizia a capire la verità e a avvicinarsi ai pezzi grossi della città, viene immediatamente trasferito, mentre Ferrero viene messo a tacere. I due però non si arrendono e pianificano una vendetta perfetta...

CAST

NOTE

- REVISIONE MINISTERO APRILE 1994.

CRITICA

"(...) Tema attuale, drammatico, appassionante che smuore nei fatti concitatamente descritti e spesso unrigo più su del necessario. Una folla di personaggi minori tenta di uscire dal bozzolo della macchietta. Non riesce a farsi largo neppure Salce, un improbabile giornalista che vive casi possibili. C'è anche un torinese, Gipo Farassino, nei panni di un maresciallo meridionale. Mah!" (C.R., 'Il Resto del Carlino', 19 novembre 1974).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy