UN MESE D'ONESTA'

ITALIA - 1947
UN MESE D'ONESTA'
Ginotto Alani, un borsaro nero, colpevole d'omicidio, evade dal carcere e si rifugia in un bosco, non lontano dalla villa del Procuratore Generale Valdes. In seguito ad un incidente fortuito, la giovanissima figlia di Valdes, Lillì, sta per affogare in un lago vicino. Ginotto, incurante di sé, accorre alle sue grida e la salva. Valdes, che non sa chi egli sia, vivamente commosso per l'atto generoso, cui deve la salvezza della figlia, lo accoglie in casa e lo impiega come guardiano. Lillì, benché sappia chi è il suo salvatore, gli s'affeziona. Un conte, che ha la sua villa lì vicino, si rivolge a Valdes per interessarlo ad una causa di dichiarazione di presunta morte, che riguarda sua moglie, sparita in un naufragio. In realtà egli ha ucciso la moglie e l'ha sotterrata non lontano di lì; un caso ne fa scoprire lo scheletro. Valdes è sul punto di farlo arrestare. Il conte è stato l'amante della seconda moglie di Valdes, e tenta di ricattarla, per ottenere che Valdes tronchi il procedimento. Lillì, che è a giorno di tutto, ed ama la matrigna, uccide con una revolverata il ricattatore, Ginotto, sul punto di essere arrestato, si dichiara colpevole anche di questo omicidio.
  • Genere: COMMEDIA, DRAMMATICO
  • Produzione: TULLIO BUCCI PER BUCCI FILM
  • Distribuzione: REGIONALE

CRITICA

"Si tratta di film di assai scarso valore". (Anonimo, "Segnalazioni Cinematografiche", vol. XXIII, 1948).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy