Un giorno all'improvviso

ITALIA - 2018
3,5/5
Un giorno all'improvviso
Antonio ha diciassette anni e un sogno: essere un calciatore in una grande squadra. Vive in una piccola cittadina di una provincia campana, una terra in cui cavarsela non è sempre così facile. A rendere ancora più complessa la situazione c'è la bellissima Miriam, una madre dolce ma fortemente problematica che lui ama più di ogni altra persona al mondo. Inoltre Carlo, il padre di Antonio, li ha abbandonati quando lui era molto piccolo e Miriam è ossessionata dall'idea di ricostruire la sua famiglia. Per fortuna c'è il calcio e soprattutto i suoi amici: Stefano Caccialepre, il centravanti della squadra e Peppe Lambiase, il fantasista, dalla battuta sempre pronta, perditempo per vocazione e con il fiuto per cacciarsi sempre nei guai. All'improvviso la vita sembra regalare ad Antonio e Miriam una vera occasione: un talent scout, Michele Astarita, sta cercando delle giovani promesse da portare nella Primavera del Parma e quando lo vede giocare, Antonio in campo è una vera rivelazione. Ma ogni sogno ha un prezzo molto alto da pagare.
  • Durata: 88'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: MAURIZIO PIAZZA PER LUNGTA FILM, RAI CINEMA
  • Distribuzione: NO.MAD ENTERTAINMENT
  • Data uscita 29 Novembre 2018

TRAILER

RECENSIONE

di Costanza Morabito
Come l’omonimo coro reso famoso dai tifosi del Napoli, Un Giorno all’Improvviso racconta una storia di amore incondizionato e di fedeltà dove il calcio rappresenta la speranza di una vita migliore.

Opera prima di Ciro D’Emilio, il lungometraggio presentato a Venezia 75 nella sezione Orizzonti è un film intenso e doloroso che con un’ottima recitazione affronta lucidamente il tema della malattia mentale.

Il film racconta il rapporto tra Miriam (Anna Foglietta), una madre problematica, e suo figlio Antonio (Giampiero De Concilio), un sedicenne che con tenerezza e senso di responsabilità si fa carico da solo della sua tempesta emotiva. Il padre li ha abbandonati quando lui era molto piccolo e così Antonio è stato costretto a crescere prima del tempo, tanto da “non essersi mai accorto” di essere un ragazzo della sua età.




Antonio trascorre la sua vita tra la pompa di benzina, il campo di calcio e il terreno di famiglia. Lo vediamo faticare con dedizione per coltivare la vita, si prende affettuosamente cura della terra dove crescono dei bellissimi limoni, luminosi e aspri, quasi un doppio di Miriam e del suo cuore denso di energie contrastanti che sta al figlio gestire.

Sul campo da calcio Antonio può pensare a se stesso, ai suoi amici Peppe (Giuseppe Cirillo) e Stefano (Lorenzo Sarcinelli) e al suo futuro. È il calcio a offrirgli una possibilità di successo e un futuro apparentemente lontano dai problemi: il talent scout Michele Astarita (Massimo De Matteo) vede in lui una promessa e vuole portarlo nella Primavera del Parma Calcio. Per il ragazzo è l’occasione imperdibile di distogliere sua madre da suo padre Carlo, di cui non ha mai accettato l’abbandono, di portarla lontana da dinamiche nocive, in un luogo dove ricominciare daccapo.

Tutto questo è raccontato con una schiettezza che non cede a lusinghe nemmeno nel mostrare il mondo del calcio. L’opportunità per il nostro protagonista non è quella del glamour o dei soldi, ma di un riscatto sociale e di vita: la prova che qualcosa può andare bene anche per questa sgangherata coppia di madre e figlio, il sogno di cancellare dalla mente di Miriam tutta la sua sofferenza.




D’Emilio ha detto di essersi ispirato a Sweet Sixteen di Ken Loach per affrontare il difficile rapporto tra madre e figlio adolescente.

Di affine all’opera di Loach in Un Giorno all’Improvviso c’è anche il tono essenziale, l’intensità degli interpreti e un pessimismo che non cancella la profondità dei sentimenti.

La Campania come la Scozia o l’Inghilterra del Nord, perché quella che racconta D’Emilio è una storia universale che parla di disperazione, amore e di un successo che senza affetti perde tutto il proprio significato.

NOTE

- REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DEL MIBAC, CON IL SOSTEGNO DI REGIONE CAMPANIA.

- IN CONCORSO ALLA 75. MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (2018), SEZIONE 'ORIZZONTI'.

- CANDIDATO AL DAVID DONATELLO 2019 PER: MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA (ANNA FOGLIETTA).

- CANDIDATO NASTRI D'ARGENTO 2019 PER: MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE, MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA (ANNA FOGLIETTA).

CRITICA

"(...) Preciso e netto il realismo dell'esordiente D'Emilio, in linea con vicende e sguardi analoghi del cinema italiano recente ('Manuel' di Albertini, 'Cuori puri' di De Paolis). Gentilezza e devozione di Antonio, con la fotogenia troppo pulita e innocente di De Concilio, sono forse fuori misura. Memorabile nevrotica la Foglietta." (Silvio Danese, 'Nazione-Carlino-Giorno', 29 novembre 2018)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy